NAVIGA IL SITO

Tenaris, i conti dei primi nove mesi del 2023. C'è l'acconto sul dividendo

Il management di Tenaris ha fornito alcune indicazioni finanziarie per l’ultimo trimestre del 2023

di Redazione Soldionline 2 nov 2023 ore 10:12

tenaris-logo_1Tenaris ha diffuso i risultati finanziari dei primi nove mesi e del 3° trimestre 2023.

I numeri del periodo gennaio-settembre hanno evidenziato un forte miglioramento del fatturato e della redditività, nonostante un rallentamento nel 3° trimestre.

Il management di Tenaris ha fornito alcune indicazioni finanziarie per l’ultimo trimestre del 2023, ha proposto la distribuzione di un acconto del dividendo 2024 (relativo all'esercizio 2023) di 0,2 dollari per azione e ha approvato un piano di buy back per un massimo di 1,2 miliardi di dollari.

 

Tenaris, ricavi e redditività nei primi nove mesi del 2023

Nel dettaglio, la società ha concluso i primi tre trimestri del 2023 con ricavi per 11,45 miliardi di dollari, in aumento del 41% rispetto agli 8,14 miliardi realizzati nello stesso periodo dell’anno precedente. Il giro d’affari dell’azienda ha beneficiato dell’aumento dei volumi di vendita e dei prezzi delle tubazioni.

La marginalità (Ebitda margin) è salita dal 29,2% al 34%.

In deciso miglioramento anche il risultato operativo di Tenaris, che è passato da 1,95 miliardi a 3,5 miliardi di dollari (+79%).

Tenaris ha terminato i primi nove mesi del 2023 con un utile netto di 2,79 miliardi di dollari, risultato che si confronta con gli 1,75 miliardi contabilizzati nello stesso periodo dell’anno precedente.

 

Tenaris, i numeri del 3° trimestre 2023

Nel solo 3° trimestre i ricavi di Tenaris sono saliti del 9%, passando da 2,98 miliardi a 3,24 miliardi di dollari; al contrario, su base sequenziale (rispetto al 2° trimestre del 2023) il fatturato è sceso del 21%, in seguito principalmente al calo dei prezzi e dell’attività nell’area delle Americhe, oltre alla diminuzione delle forniture per progetto offshore.

In contrazione l’utile netto, che è sceso da 606,47 milioni a 537,31 milioni di dollari.

 

Tenaris, i dati patrimoniali a fine settembre 2023

A fine settembre 2023 la posizione finanziaria netta era positiva per 3,3 miliardi di dollari, rispetto ai 921,27 milioni di inizio anno.

Nei primi nove mesi del 2023 le attività operative di Tenaris hanno generato cassa per 3,56 miliardi di dollari, mentre gli investimenti totali (capex) sono stati pari a 452,63 milioni.

 

Tenaris, le indicazioni sul 2023

Il management di Tenaris ha segnalato che nell’ultimo trimestre del 2023 le vendite nelle Americhe saranno influenzate dal continuo aggiustamento dei livelli di prezzo, mentre il giro d’affari in Medio Oriente e nei progetti offshore dovrebbero supportare le vendite totali.

Inoltre, i vertici prevedono una riduzione della marginalità, in seguito a minori prezzi di vendita nelle Americhe, mentre il flusso di cassa si adatterà a un EBITDA più basso e a una posizione più stabile del capitale circolante.

 

Tenaris, c’è l’acconto sul dividendo

Sulla base dei risultati trimestrali, il management di Tenaris ha proposto la distribuzione di un acconto del dividendo 2024 (relativo all'esercizio 2023) di 0,2 dollari per azione, per un ammontare complessivo di 236 milioni di dollari.

La cedola sarà staccata lunedì 20 novembre 2023 e messa in pagamento dal 22 novembre.

 

Tenaris, approvato un buy back

Inoltre, il consiglio di amministrazione di Tenaris ha approvato un piano di riacquisto di azioni proprie fino a un ammontare massimo di 1,2 miliardi di dollari da eserguirsi nel corso dell'anno. Sulla base del prezzo di chiusura del titolo, l'operazione rappresenterebbe 75,4 milioni di titoli, pari al 6,4% del capitale.

Tenaris ha precisato che le azioni acquistare nel corso del programma saranno cancellate.

La decisione di procedere con il buy back deriva dalla significativa generazione di cassa durante i primi nove mesi del 2023.

Tutte le ultime su: dividendi , tenaris , terzo trimestre 2023
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.