NAVIGA IL SITO

La trimestrale di Poste Italiane. C'è l'acconto sul dividendo

Il management ha proposto la distribuzione di un acconto del dividendoper un ammontare di 0,162 euro per azione. Poste Italiane non ha fornito indicazioni puntuali sull’esercizio 2020

di Redazione Soldionline 12 nov 2020 ore 07:15

poste-italiane-palazzo_1Poste Italiane ha comunicato i risultati economici e finanziari dei primi nove mesi 2020, periodo chiuso con ricavi e redditività in contrazione, in conseguenza al lockdown imposto per frenare l’epidemia da Covid-19. Tuttavia, nel solo terzo trimestre le principali voci di conto economico sono tornate a crescere.

Il management non ha fornito indicazioni puntuali sull’esercizio in corso.

 

Nel dettaglio, Poste Italiane ha terminato il periodo gennaio-settembre con ricavi per 7,67 miliardi di euro, in contrazione del 5,2% rispetto agli 8,09 miliardi realizzati nei primi nove mesi dello scorso anno. I ricavi normalizzati sono stati pari a 7,37 miliardi di euro (-5,5% rispetto ai primi tre trimestri del 2019).

In forte peggioramento il risultato operativo, che è sceso da 1,54 miliardi a 1,24 miliardi di euro (-19,2%).

Poste Italiane ha terminato i primi nove mesi del 2020 con un utile netto di 898 milioni di euro, in flessione del 17,1% rispetto agli 1,08 miliardi contabilizzati nello stesso periodo del 2019; l’utile netto normalizzato è sceso del 16,7% a 751 milioni di euro.

 

Tuttavia, nel solo terzo trimestre 2020 i ricavi sono aumentati dello 0,8% a 2,59 miliardi di euro, mentre l’utile netto è aumentato del 10,3% a 353 milioni di euro (utile normalizzato a 352 milioni).

I risultati trimestrali sono stati migliori del consensus degli analisti (pubblicato sul sito Internet della società e aggiornato al 30 ottobre), che indicavano ricavi e utile netto rispettivamente a 2,51 miliardi e 316 miliardi di euro.

 

A fine settembre 2020 la posizione finanziaria netta era positiva per 5,3 miliardi di euro, rispetto ai 5,67 miliardi di inizio anno. Sempre fine settembre le Attività Finanziarie Totali risultavano pari a 556 miliardi di euro (+20,3 miliardi rispetto a dicembre 2019), con una raccolta netta di 11,2 miliardi e dinamiche favorevoli di mercato per 9,1 miliardi.

 

Il management di Poste Italiane non ha fornito indicazioni puntuali sull’esercizio 2020, segnalando che l’attuale contesto contribuisce a condizionare lo scenario a breve termine nel quale si troverà a operare il gruppo nei prossimi mesi, rendendolo significativamente incerto e comportando difficoltà nella formulazione di previsioni realistiche sui risultati economico finanziari alla fine dell’anno.

Sul fronte dei costi e degli investimenti, Poste Italiane ha attivato un programma di riduzione, con l’obiettivo principale di ottenere risparmi strutturali di medio e lungo termine.

 

Sulla base dei risultati dei primi nove mesi del 2020 e in linea con la dividend policy di gruppo approvata nel corso del 2019, il management di Poste Italiane ha proposto la distribuzione di un acconto del dividendo 2021 (relativo all'esercizio 2020) per un ammontare di 0,162 euro per azione. La cedola sarà staccata lunedì 23 novembre 2020 e messa in pagamento il 25 novembre.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »