NAVIGA IL SITO

Pirelli, i conti dei primi nove mesi del 2019. Stime riviste

Il management prevede di chiudere l’esercizio con ricavi pari ad almeno 5,3 miliardi di euro e un margine Ebit Adjusted tra il 17% e il 17,5%. Piano industriale rinviato al 2020

di Edoardo Fagnani 29 ott 2019 ore 18:22

pirelli-logoPirelli ha diffuso i risultati dei primi nove mesi del 2019 e ha rivisto le stime per l'intero esercizio.

 

Il gruppo degli pneumatici ha terminato il periodo in esame con ricavi per 4,04 miliardi di euro, in aumento del 2,8% rispetto ai 3,93 miliardi ottenuti nei primi tre trimestri dello scorso anno, grazie al rafforzamento registrato sul segmento High Value, che oggi rappresenta il 67,4% dei ricavi complessivi. La crescita organica del fatturato è stata del 2,3%. Nel solo terzo trimestre i ricavi di Pirelli sono cresciuti del 6,7% (+4,1% a livello organico).

In contrazione, invece, il risultato operativo adjusted, che nei primi nove mesi dell’anno si è ridotto da 700,1 milioni a 685 milioni di euro (-2,1%), in conseguenza all’incremento dei prezzi delle materie prime; di conseguenza la marginalità è scesa dal 17,8% al 17%.

Pirelli ha terminato il periodo gennaio-settembre con un utile netto di 385,7 milioni di euro, rispetto ai 378,1 milioni contabilizzati negli stessi mesi dello scorso anno (+2%).

 

A fine settembre 2019 l’indebitamento netto di Pirelli era salito a 4,48 miliardi di euro, rispetto ai 3,18 miliardi di inizio anno, in conseguenza alla stagionalità del capitale circolante e all’applicazione dei nuovi principi contabili.

Nei primi nove mesi del 2019 la gestione operativa ha assorbito cassa per 252,1 milioni di euro.

 

Il consensus degli analisti pubblicato sul sito Internet di Pirelli relativo ai primi nove mesi del 2019 indicava un giro d’affari in aumento a 3,99 miliardi di euro e un risultato operativo adjusted in calo a 685 milioni di euro. L’utile netto era previsto in crescita a 391 milioni, mentre a fine settembre l’indebitamento netto era stimato a 4,53 miliardi.

 

Sulla base di questi risultati i vertici di Pirelli hanno rivisto alcune stime per il 2019.

Il management prevede di chiudere l’esercizio con ricavi pari ad almeno 5,3 miliardi di euro, in aumento del 2,5% rispetto al 2018 (tra l’1,5% e il 2,5% la precedente indicazione), sostenuti dal rafforzamento sull’High Value (confermato il 67% il peso sui ricavi). Le attese sui volumi complessivi sono per una flessione del 2% (tra il -2,5% e il -2% la precedente indicazione).

Al contrario, il margine Ebit Adjusted è atteso tra il 17% e il 17,5% (tra il 18% e il 19% la precedente indicazione). Confermati gli investimenti pari a circa 380 milioni di euro.

Infine, il management di Pirelli ha segnalato che la presentazione del piano industriale 2020-2022 – originariamente prevista per l’11 dicembre 2019 – si terrà entro il primo trimestre 2020.

Tutte le ultime su: pirelli , terzo trimestre 2019
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.