NAVIGA IL SITO

Parmalat, i numeri dei primi nove mesi del 2016

di Edoardo Fagnani 10 nov 2016 ore 16:12 Le news sul tuo Smartphone

parmalat2_1Parmalat ha chiuso i primi nove mesi del 2016 con ricavi per 4,63 miliardi di euro, in flessione del 2,4% rispetto ai 4,74 miliardi ottenuti nello stesso periodo dello scorso anno. A tassi di cambio costanti e perimetro omogeneo1ed escludendo i risultati della consociata venezuelana, la variazione risulta in aumento del 2,4%. Al contrario, il margine operativo lordo è salito dello 0,4%, passando da 312,2 milioni a 313,4 milioni di euro; a cambi e perimetro costanti ed escludendo il Venezuela, la variazione risulta in aumento del 9,6%. L’utile netto si è ridotto dello 0,5% a 107,5 milioni di euro.

A fine settembre le disponibilità finanziarie nette erano scese a 119 milioni, rispetto ai 310,8 milioni di inizio anno.

 

Per il 2016, a tassi di cambio costanti, considerando per le nuove acquisizioni dati comparativi 2015 proforma ed escludendo la consociata venezuelana - data la situazione d’incertezza, l’elevata inflazione e la forte svalutazione della valuta locale - Parmalat stima una crescita del fatturato netto di circa il 2-3% e del margine operativo lordo di oltre il 10%. La società ha segnalato che permangono delle incertezze nell’area America Latina, con particolare riferimento al Brasile, dovute al difficile contesto macroeconomico.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: parmalat , terzo trimestre 2016

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Bonus facciate cos'è e come funzionano le detrazioni

Bonus facciate cos'è e come funzionano le detrazioni

A partire dal primo gennaio 2020 le spese sostenute e documentate per interventi di recupero e restauro delle facciate degli edifici già esistenti beneficeranno di una detrazione fiscale Continua »