NAVIGA IL SITO

Iren, i conti dei primi tre mesi del 2020

di Edoardo Fagnani 12 mag 2020 ore 14:03 Le news sul tuo Smartphone

iren_2Iren ha comunicato i risultati finanziari del primo trimestre del 2020, periodo terminato con ricavi per 1,08 miliardi di euro, in flessione del 15,7% rispetto agli 1,28 miliardi ottenuti nei primi tre mesi dello scorso anno, in seguito principalmente al calo dei prezzi delle commodities energetiche. In leggero aumento, invece, il margine operativo lordo che è salito dello 0,1%, passando da 274,22 milioni a 274,38 milioni di euro. L’utile netto (esclusa la quota di terzi) è sceso da 99,94 milioni a 83,8 milioni di euro (-16,2%), in conseguenza a maggiori accantonamenti per 18 milioni di euro prevalentemente destinati al fondo svalutazione crediti, per effetto del Covid-19.

A fine marzo 2020 l’indebitamento netto di Iren ammontava a 2,81 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 2,71 miliardi di inizio anno.

Nell’intero trimestre gli investimenti tecnici lordi sono stati pari a 130 milioni di euro (+52% rispetto ai primi tre mesi del 2019).

 

I vertici di Iren hanno segnalato che le future azioni volte al rilancio economico dell’Italia potrebbero potenzialmente coinvolgere le utilities in operazioni di consolidamento sui territori e favorire l’accelerazione degli investimenti.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: iren , primo trimestre 2020