NAVIGA IL SITO

Iren, i conti del 2020. Dividendo 2021 di 0,095 euro

di Redazione Soldionline 25 mar 2021 ore 13:56 Le news sul tuo Smartphone

iren_2Iren ha comunicato i risultati finanziari del 2020, esercizio terminato con ricavi per 3,73 miliardi di euro, in flessione del 12,8% rispetto ai 4,28 miliardi ottenuti l’anno precedente, calo imputabile principalmente all’impatto Covid-19, ai prezzi delle commodity e al clima mite. Al contrario, il margine operativo lordo è aumentato dell’1,1%, passando da 917,26 milioni a 927,35 milioni di euro; Iren ha precisato che, al netto delle componenti straordinarie che hanno caratterizzato entrambi i periodi, l’Ebitda sarebbe risultato in crescita del 5,7%. L’utile netto (esclusa la quota di terzi) è sceso da 236,36 milioni a 235,32 milioni di euro (-0,4%), in conseguenza a maggiori ammortamenti per circa 37 milioni di euro relativi ai nuovi investimenti e all’ampliamento del perimetro di consolidamento, maggiori accantonamenti al fondo svalutazione crediti di cui 25 milioni di euro correlati all’incremento delle perdite su crediti stimate in relazione al Covid-19; escludendo gli effetti straordinari, l’utile netto risulterebbe in crescita del 3,7%.

A fine 2020 l’indebitamento netto di Iren ammontava a 2,95 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 2,71 miliardi di inizio anno, in seguito agli elevati investimenti ed alle operazioni di consolidamento (198 milioni di euro).

Nell’intero esercizio gli investimenti tecnici lordi sono stati pari a 685 milioni di euro (+31% rispetto al 2019).

 

I vertici di Iren hanno segnalato che la prospettive di crescita di redditività tengono conto del perdurare dell’emergenza Covid-19 che il gruppo stima, in ipotesi di risoluzione dell’emergenza sanitaria nella seconda parte dell’anno, con un effetto negativo sull’Ebitda non superiore a 10 milioni di euro, ulteriori accantonamenti a fondo svalutazione crediti non superiori a 10 milioni ed il parziale riassorbimento, pari a 40 milioni, dell’effetto negativo sul capitale circolante netto registrato nel 2020.

 

Il management di Iren ha proposto la distribuzione del dividendo 2021 (relativo all’esercizio 2020) di 0,095 euro per azione, in aumento del 2,7% rispetto allo scorso anno. La cedola sarà staccata lunedì 21 giugno 2021 e messa in pagamento il 23 giugno.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: iren , bilanci 2020 , dividendi