NAVIGA IL SITO

I Grandi Viaggi, i numeri dell'esercizio 2016/2017. Dividendo 2018 di 0,02 euro

di Edoardo Fagnani 18 gen 2018 ore 18:10 Le news sul tuo Smartphone

igrandiviaggi_2I Grandi Viaggi ha terminato l’esercizio 2016/2017 (la società chiude il bilancio il 31 ottobre) con ricavi per 56,16 milioni di euro, in contrazione del 3,7% rispetto ai 58,42 milioni ottenuti nell’esercizio precedente. I vertici dell’azienda hanno spiegato che il calo del fatturato è riconducibile principalmente alle vendite relative ai villaggi commercializzati, che hanno fatto registrare un decremento del 21% rispetto al precedente periodo, in parte dovuto alla scelta della società di chiudere alcune destinazioni risultate nel tempo non più convenienti in termini di redditività. L’utile netto (escluse le quote di terzi) si è ridotto a 672mila euro, rispetto agli 1,04 milioni contabilizzati nell’esercizio 2015/2016. A fine ottobre la posizione finanziaria netta era positiva per 20,29 milioni di euro, rispetto ai 14,23 milioni di inizio esercizio.

Il management de I Grandi Viaggi ha proposto la distribuzione del dividendo 2018, relativo all'esercizio 2016/2017, per un ammontare di 0,02 euro per azione. La cedola sarà staccata il 5 marzo e messa in pagamento il 7 marzo.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: i grandi viaggi , bilanci 2017 , dividendi

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »