NAVIGA IL SITO

FinecoBank, i conti dei primi nove mesi del 2020

La compagnia ha terminato il periodo con un utile netto di 246,35 milioni di euro, in aumento del 22,7% rispetto ai 195,16 milioni contabilizzati nei primi tre trimestri dello scorso anno

di Edoardo Fagnani 9 nov 2020 ore 13:19

fineco_4FinecoBank ha comunicato i risultati finanziari dei primi nove mesi del 2020, periodo chiuso con un utile netto di 246,35 milioni di euro, in aumento del 22,7% rispetto ai 195,16 milioni contabilizzati nei primi tre trimestri dello scorso anno, nonostante il maggiore contributo legato agli oneri sistemici. In forte miglioramento anche il margine di intermediazione, che è passato da 484,59 milioni a 592,72 milioni di euro (+22,3%), grazie all’aumento delle commissioni nette (+26,6%) e del risultato di negoziazione, coperture e fair value. Il risultato di gestione (margine operativo lordo) di FinecoBank è cresciuto da 299,43 milioni a 396,04 milioni di euro (+32,3%).

Nel solo terzo trimestre del 2020 l’utile netto si è attestato a 65,17 milioni di euro.

 

A fine settembre 2020 il Core Tier 1 ratio di FinecoBank (uno dei principali indicatori di solidità patrimoniale degli istituti di credito) ammontava al 23,28% (comprensivo anche dell’ammontare del dividendo 2019 revocato dal consiglio di amministrazione del 6 aprile 2020) rispetto al 18,12% di inizio anno, sulla base di un patrimonio netto di 1,62 miliardi di euro.

Sempre a fine settembre il totale delle attività finanziarie ha raggiunto gli 85 miliardi di euro; nel periodo gennaio-settembre la raccolta è stata pari a 6,4 miliardi (+46,1% a/a).

 

Al 30 settembre i finanziamenti alla clientela di FinecoBank erano pari a 4,32 miliardi di euro, in crescita del 17,4% rispetto al dato di inizio anno e del 2,8% rispetto al 30 giugno 2020.

Alla stessa data l’ammontare dei crediti deteriorati (sofferenze, inadempienze probabili e scaduti) al netto delle rettifiche di valore era pari a 3,7 milioni di euro (3,6 milioni di euro al 31 dicembre 2019) con un coverage ratio dell’85,6%; il rapporto fra l’ammontare dei crediti deteriorati e l’ammontare dei crediti di finanziamento verso clientela ordinaria si attestava allo 0,1% (0,11% a inizio anno).

Tutte le ultime su: fineco , terzo trimestre 2020
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.