NAVIGA IL SITO

FinecoBank, sale l'utile nel 2019. Dividendo 2020 di 0,32 euro

La compagnia ha chiuso lo scorso anno con un utile netto di 288,37 milioni di euro, in aumento del 19,5%. Raggiunto un accordo con l’Agenzia delle Entrate sul Patent Box

di Edoardo Fagnani 11 feb 2020 ore 13:45

fineco_4FinecoBank ha comunicato i risultati del 2019, esercizio chiuso con un utile netto di 288,37 milioni di euro, in aumento del 19,5% rispetto ai 241,22 milioni contabilizzati nell’esercizio precedente; il risultato finale - rettificato per le poste non ricorrenti - è stato di 268,8 milioni di euro, in aumento del 10%. In miglioramento il margine di intermediazione, che è passato da 625,3 milioni a 654,82 milioni di euro (+4,7%), grazie all’aumento delle commissioni nette (+8,2%). Il risultato di gestione (margine operativo lordo) di FinecoBank è cresciuto da 379,53 milioni a 405,23 milioni di euro (+6,8%).

Nel solo quarto trimestre del 2018 l’utile netto si è attestato a 93,21 milioni di euro.

 

A fine 2019 il Core Tier 1 ratio di FinecoBank (uno dei principali indicatori di solidità patrimoniale degli istituti di credito) ammontava al 18,12% rispetto al 17,37% al 30 settembre, sulla base di un patrimonio netto di 1,38 miliardi di euro.

Sempre a fine anno il totale delle attività finanziarie ha raggiunto gli 81,4 miliardi di euro; nell’intero 2019 la raccolta è stata pari a 5,8 miliardi (-6,1% a/a).

 

Al 31 dicembre 2019 i finanziamenti alla clientela di FinecoBank erano pari a 3,68 miliardi di euro, in crescita del 24,5% rispetto al dato di inizio anno e del 3,1% rispetto al 30 settembre 2019. Alla stessa data l’ammontare dei crediti deteriorati (sofferenze, inadempienze probabili e scaduti) al netto delle rettifiche di valore era pari a 3,6 milioni di euro (2,8 milioni di euro al 31 dicembre 2018) con un coverage ratio dell’85,92%; il rapporto fra l’ammontare dei crediti deteriorati e l’ammontare dei crediti di finanziamento verso clientela ordinaria si attestava allo 0,11% (lo stesso dato di inizio anno).

 

Il management di FinecoBank ha proposto la distribuzione di un dividendo 2020 (relativo all’esercizio 2019) di 0,32 euro per azione, in aumento rispetto agli 0,303 euro assegnati lo scorso anno (+5,6%).

 

LEGGI ANCHE: Dividendi 2020 FTSEMib: entità e calendario degli stacchi

 

Inoltre, FinecoBank ha comunicato di aver raggiunto, con l’Agenzia delle Entrate, l’accordo preventivo per accedere al regime di tassazione agevolata previsto dal c.d. “Patent Box” per il quinquennio 2015-2019.

L’accordo si riferisce al contributo economico del marchio e dei software caratterizzanti l’offerta di FinecoBank di servizi di trading on line e di consulenza. La stima del beneficio fiscale per il quinquennio 2015-2019, rilevato in bilancio nel 2019, è di circa 22 milioni di euro.

Tutte le ultime su: finecobank , bilanci 2019 , dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Cosa è e a cosa serve l'Isee

Cosa è e a cosa serve l'Isee

L’Isee è una sorta di "carta di identità" economica in base alla quale la pubblica amministrazione valuta se un cittadino ha diritto o meno a determinate prestazioni o agevolazioni Continua »