NAVIGA IL SITO

Exprivia, i conti del primo semestre 2019

di Edoardo Fagnani 6 ago 2019 ore 19:55 Le news sul tuo Smartphone

exprivia_6Exprivia ha comunicato i risultati economici e finanziari del primo semestre del 2019, periodo chiuso con ricavi per 251,59 milioni di euro, in forte calo rispetto ai 286,9 milioni ottenuti nei primi sei mesi dello scorso anno. In miglioramento il margine operativo lordo, che è cresciuto da 7,95 milioni a 10,43 milioni di euro, grazie all’applicazione dei nuovi principi contabili. La società ha terminato lo scorso semestre con una perdita netta (esclusa la quota di terzi) di 3,29 milioni di euro, rispetto al rosso di 7,27 milioni contabilizzato nei primi sei mesi del 2018.

A fine giugno l’indebitamento netto di Exprivia ammontava a 249 milioni di euro, in aumento dai 214,6 milioni di inizio anno, in conseguenza all’applicazione dei nuovi principi contabili. Nel semestre le attività operative della società hanno assorbito cassa per 861mila euro.

Il consiglio di amministrazione di Exprivia ha ritenuto necessaria un’analisi approfondita delle principali assunzioni del piano industriale 2018-2023, che potranno portare nei prossimi mesi a una verifica, anche con l’obiettivo di rivedere e rafforzare il progetto di integrazione delle componenti IT (Exprivia) e TLC (Italtel) quale conseguenza del contesto di mercato.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: exprivia , primo semestre 2019

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »