NAVIGA IL SITO

De Longhi, i conti del primo trimestre 2020

di Edoardo Fagnani 12 mag 2020 ore 14:22 Le news sul tuo Smartphone

delonghi-group_1De Longhi ha diffuso i risultati economici e finanziari del primo trimestre del 2020.

Nel periodo in esame la società – quotata al MidCap e attiva nel settore del piccolo elettrodomestico dedicato al mondo del caffè, della cucina, della climatizzazione e della cura della casa – ha realizzato ricavi per 393,3 milioni di euro, in aumento del 4,5% rispetto ai 376,4 milioni ottenuti nei primi tre mesi dello scorso anno; a parità di tassi di cambio e di perimetro di gruppo il fatturato sarebbe salito del 3,6%. In aumento anche il margine operativo lordo, passato da 35,1 milioni a 36,6 milioni di euro; di conseguenza, la marginalità si è confermata al 9,3%. De Longhi ha chiuso il periodo in esame con un utile netto di 11 milioni di euro, risultato che si confronta con gli 11,4 milioni contabilizzati nei primi tre mesi del 2019, a seguito anche dei costi non ricorrenti relativi al Covid-19 e a maggiori imposte per 4,8 milioni, l’utile netto normalizzato è stato pari a 14,4 milioni di euro.

A fine marzo 2020 la posizione finanziaria netta era positiva per 335 milioni di euro, in forte miglioramento rispetto ai 277,8 milioni di inizio anno. Nel primo trimestre del 2020 gli investimenti sono stati pari a 27,2 milioni, di cui più della metà relativi al nuovo stabilimento in Madaras, Romania, e al nuovo palazzo uffici della sede di Treviso.

 

I vertici di De Longhi hanno segnalato che non è possibile fornire una guidance di sufficiente attendibilità per il corrente anno.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: de longhi , primo trimestre 2020