NAVIGA IL SITO

CIR chiude in rosso il 2013 con la svalutazione di Sorgenia

di Edoardo Fagnani 8 giu 2014 ore 19:14 Le news sul tuo Smartphone
cir_1CIR ha chiuso il 2013 con ricavi pari a 4,75 miliardi di euro, in flessione del 4,7% rispetto ai 4,99 miliardi ottenuti nell’esercizio precedente. Il margine operativo lordo (post svalutazioni) è stato negativo per 38,3 milioni di euro, rispetto al valore positivo di 316,8 milioni del 2012. CIR ha precisato che la riduzione è stata determinata dalle svalutazioni effettuate da Sorgenia per complessivi 347,4 milioni di euro. Il risultato finale della holding è stato negativo per 269,21 milioni, rispetto al rosso di 30,44 milioni di euro del 2012. Il risultato è dovuto principalmente all’effetto Sorgenia: la partecipazione nella società è stata integralmente svalutata sia a livello consolidato sia civilistico.
L’indebitamento netto, a fine 3013, ammontava a 1,85 miliardi di euro, in decisa contrazione rispetto ai 2,5 miliardi di inizio anno, grazie all’incasso a titolo definitivo del risarcimento per il Lodo Mondadori.

I vertici di CIR hanno segnalato che l’andamento del gruppo nel 2014 sarà influenzato, oltre che dall’evoluzione dell’ancora incerto quadro macroeconomico, dall’esito della ristrutturazione dell’indebitamento della controllata Sorgenia.

Il consiglio di amministrazione proporrà all’assemblea degli azionisti di non distribuire dividendi per l’esercizio 2013 con l’obiettivo di preservare la solidità patrimoniale della società.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: cir , sorgenia , bilanci 2013