NAVIGA IL SITO

Campari, i conti del primo trimestre 2020

Il management di Campari prevede che il COVID-19 avrà un impatto maggiore sulla performance del gruppo nel secondo trimestre e all’inizio del terzo

di Edoardo Fagnani 5 mag 2020 ore 11:39

campari_8Campari ha diffuso i dati finanziari del primo trimestre del 2020, periodo terminato con ricavi netti per 360,2 milioni di euro, in contrazione del 2,7% rispetto ai 370,1 realizzati nei primi tre mesi dello scorso anno. Il management ha precisato che la flessione organica delle vendite è stata pari al 5,3%, mentre l’effetto cambi è stato positivo per lo 0,7%; anche la variazione di perimetro di gruppo ha fornito un contributo positivo (+1,9%).

In flessione anche il margine operativo lordo rettificato, che è sceso da 89,6 milioni a 67,5 milioni di euro (-24,7%); di conseguenza, la marginalità è peggiorata dal 24,2% al 18,7%.

Campari ha terminato il trimestre con un utile ante imposte rettificato di 343,7 milioni di euro, in flessione del 45,7% rispetto ai 63,9 milioni dei primi tre mesi del 2019, in conseguenza all'impatto da COVID-19, che ha colpito in particolare il business degli aperitivi ad alta marginalità in Italia.

 

A fine marzo 2020 l’indebitamento netto del gruppo era salito a 887,1 milioni di euro, rispetto ai 777,4 milioni di inizio anno, principalmente per effetto dell'acquisizione del distributore francese (54,6 milioni) e del riacquisto di azioni proprie (41,1 milioni).

Campari ha segnalato che la liquidità disponibile unitamente alle linee di credito e alla nuova linea di finanziamento generano un importo complessivamente superiore a 1,9 miliardi di euro.

 

Il management di Campari prevede che il COVID-19 avrà un impatto maggiore sulla performance del gruppo nel secondo trimestre e all’inizio del terzo, periodo di picco stagionale per il business degli aperitivi a elevata marginalità, il cui consumo è fortemente concentrato nel canale on-premise.

Con la graduale revoca delle misure restrittive nei vari mercati, e stanti le attuali condizioni di visibilità, l’impatto negativo è atteso gradualmente diminuire nella restante parte dell’anno.

 

Inoltre, Campari ha annunciato la sigla dell'acquisizione di una partecipazione dell'80% (e nel medio termine la totalità del capitale azionario) di SARL Champagne Lallier e delle altre società del gruppo.

Il corrispettivo è pari a 21,8 milioni di euro per l’80% del capitale, finanziato con risorse disponibili e sarà pagato utilizzando cassa. Il perfezionamento dell’operazione è previsto nel terzo trimestre 2020.

Tutte le ultime su: campari , primo trimestre 2020
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.