NAVIGA IL SITO

BPER Banca, i conti dei primi nove mesi del 2021

Nell’ultima parte del 2021 l’attività della banca continuerà ad essere focalizzata sulla crescita della redditività ordinaria e sul miglioramento del profilo di rischio

di Redazione Soldionline 5 nov 2021 ore 18:08

bper-bancaBPER Banca ha comunicato i risultati finanziari dei primi nove mesi del 2021, caratterizzati da un generale miglioramento delle principali voci di conto economico e della qualità del credito.

Il management ha segnalato che nell’ultima parte del 2021 l’attività della banca continuerà ad essere focalizzata sulla crescita della redditività ordinaria, sul miglioramento del profilo di rischio e sul mantenimento di una solida posizione patrimoniale.

 

Nel dettaglio, l’istituto ha terminato il periodo gennaio-settembre con un utile netto (escluse le quote di terzi) di 586,22 milioni di euro, risultato che si confronta con i 199,1 milioni contabilizzati nei primi tre trimestri dello scorso anno. L’istituto ha segnalato che sul risultato del periodo ha influito un avviamento negativo per 1,13 miliardi di euro, di cui 817,7 milioni relativi al badwill emerso dal processo di Purchase Price Allocation (PPA) richiesta rispetto all’acquisizione dei rami d’azienda di UBI Banca e UBISS eseguita nel semestre. Escludendo le componenti straordinarie, l’utile al lordo delle imposte è pari a circa 417,1 milioni di euro. Nel solo terzo trimestre 2021 l’utile netto è stato pari a 84,42 milioni di euro.

In forte miglioramento anche il risultato della gestione operativa, che è cresciuto da 668,48 milioni a 861,55 milioni di euro (+28,9%), mentre i proventi operativi sono aumentati del 33,7% a 2,49 miliardi di euro, in seguito al balzo delle commissioni nette (+51,3% a 1,17 miliardi) e al risultato netto della finanza (172,16 milioni), che ha beneficiato degli utili derivanti dalle cessioni di attività finanziarie e della buona performance realizzata dai mercati.

 

A fine settembre 2021 i crediti alla clientela, al netto delle rettifiche di valore, ammontavano a 76,5 miliardi di euro. Alla stessa data i crediti deteriorati netti (sofferenze, inadempienze probabili e scaduti) erano pari a 2 miliardi di euro, con un’incidenza pari al 2,6% sui crediti netti complessivi, in diminuzione rispetto al 4,0% di fine 2020 e un coverage ratio del 55,3%.

Sempre a fine settembre 2021 il Common Equity Tier 1 era pari al 14,7% (17,7% al 31 dicembre 2020 ovvero 15,1% al netto dell’impatto dell’aumento di capitale). L’indice calcolato in regime di piena applicazione era pari al 13,7% (15,8% al 31 dicembre 2020 e 13,2% al netto dell’impatto dell’aumento di capitale).

Alla stessa data i titoli di debito erano pari a 26,4 miliardi di euro; di questi, 12,2 miliardi erano riferiti a titoli governativi (8,4 miliardi di euro rappresentati da titoli di Stato italiani).

 

BPER Banca ha segnalato che nell’ultima parte del 2021 l’attività della banca continuerà ad essere focalizzata sulla crescita della redditività ordinaria, sul miglioramento del profilo di rischio e sul mantenimento di una solida posizione patrimoniale.

Il management ha aggiunto che i ricavi, pur in presenza di pressioni sulla marginalità dovute al perdurare di tassi negativi e all’eccesso di liquidità, beneficeranno di volumi di impiego attesi in crescita e di una dinamica positiva delle commissioni, che continueranno a essere supportate dallo sviluppo del comparto del risparmio gestito e bancassurance, nonché dalla ripresa in corso dell’attività transazionale. Inoltre, i costi operativi da un lato continueranno a essere oggetto di azioni volte all’ottimizzazione della spesa e dall’altro accoglieranno una componente straordinaria legata agli oneri relativi alla manovra di ottimizzazione degli organici annunciata a fine settembre.

BPER Banca si attende un ulteriore miglioramento della qualità del credito, con volumi di crediti deteriorati previsti in calo grazie all’azione di derisking in corso. Il costo del credito, pur riflettendo un approccio particolarmente conservativo nella politica degli accantonamenti, dovrebbe mantenersi sotto controllo. La posizione di capitale è attesa rimanere su livelli elevati.

Tutte le ultime su: bper banca , terzo trimestre 2021
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.