NAVIGA IL SITO

BE Think, ricavi e utile in crescita nel 2018. Dividendo 2019 di 0,022 euro

di Edoardo Fagnani 13 mar 2019 ore 07:47 Le news sul tuo Smartphone

be-think-logoBE Think ha diffuso i risultati del 2018, esercizio chiuso con un valore della produzione di 150,22 milioni di euro, in aumento del 15,8% rispetto ai 129,75 milioni ottenuti nell’anno precedente; la società ha precisato che il 39,3% del giro d’affari è stato realizzato all’estero. Il margine operativo lordo è balzato del 37,3%, passando da 17,16 milioni a 23,56 milioni di euro; tuttavia, la marginalità è sceda dal 12,6% al 12,3%. In miglioramento anche l’utile netto, che è cresciuto da 4,48 milioni a 5,48 milioni di euro (+22,4%).

A fine 2018 la posizione finanziaria netta era dieventata positiva per 924mila euro, valore che si confronta con l’indebitamento di 5,52 milioni di inizio anno.

 

I vertici di BE Think hanno segnalato che sono stati raggiunti con un anno di anticipo i target di crescita interna, in termini di marginalità operativa, definiti dal piano industriale per il triennio 2017-2019.

Inoltre, il management ritiene ragionevole confermare uno scenario di crescita dei ricavi e degli utili anche per l’esercizio 2019.

 

Il management di BE Think ha proposto la distribuzione del dividendo 2019, relativo all'esercizio 2018, per un ammontare do 0,022 euro per azione, in aumento rispetto agli 0,02 euro assegnati lo scorso anno; la cedola sarà staccata il 20 maggio e messa in pagamento il 22 maggio.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: be , bilanci 2018 , dividendi
da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »