NAVIGA IL SITO

Banco Popolare, tutti i numeri del primo semestre 2016

I vertici dell’istituto hanno precisato che il risultato finale è stato penalizzato dalle decisioni finalizzate all’innalzamento del livello medio di copertura dei crediti deteriorati richiesto dalla BCE

di Edoardo Fagnani 5 ago 2016 ore 18:50

Il Banco Popolare ha comunicato i risultati del primo semestre del 2016, periodo chiuso con una perdita netta di 380,17 milioni di euro, rispetto all’utile di 293,12 milioni contabilizzato nei primi sei mesi dello scorso anno. I vertici dell’istituto hanno precisato che il risultato finale è stato penalizzato dalle decisioni finalizzate all’innalzamento del livello medio di copertura dei crediti deteriorati richiesto dalla BCE in prospettiva dell’aggregazione con BPM; in assenza di questa discontinuità il semestre si sarebbe chiuso con un risultato finale positivo. In peggioramento anche il risultato di gestione che è passato da 744,63 milioni di euro a 423,28 milioni di euro (-43,2%). I proventi operativi sono scesi a 1,54 miliardi di euro, dagli 1,81 miliardi dei primi sei mesi del 2015 (-15,1%), in conseguenza alla contrazione subita dalle commissioni nette (-17,1%), quale effetto della volatilità dei mercati finanziari.

banco-popolare4A fine giugno il Common Equity Tier 1, applicando il regime transitorio in vigore dal 30 giugno, era pari al 14,8%
(14,1% fully based), in miglioramento rispetto al 13,2% di inizio anno, in seguito al perfezionamento dell’operzione di aumento del capitale.
Sempre a fine giugno gli impieghi lordi alla clientela ammontavano a 86,4 miliardi di euro, in crescita dell’1,2% rispetto agli 85,3 miliardi di inizio anno. Alla stessa data i crediti deteriorati ammontavano a 13,5 miliardi di euro, in diminuzione del 3,9% e del 4,3% nel confronto, rispettivamente con i saldi esistenti al 31 dicembre 2015 e al 30 giugno 2015. L’indice di copertura dell’intero aggregato dei crediti deteriorati, includendo i crediti in sofferenza oggetto di stralcio, si attestava al 45,6%, in crescita di quasi due punti percentuali rispetto al 43,7% del 31 dicembre 2015 (44,9% al 30 giugno 2015).
Sempre a fine giugno il Banco Popolare poteva contare su attivi stanziabili presso la BCE pari a 13,9 miliardi di euro, rappresentati prevalentemente da un portafoglio libero di titoli di stato italiani.

I vertici del Banco Popolare, hanno ribadito che la gestione nel semestre in corso sarà principalmente focalizzata sulla realizzazione dell’operazione di aggregazione con BPM. In questa prospettiva l’istituto è orientato a completare la realizzazione delle condizioni comunicate dalla BCE come presupposto per l’autorizzazione al perfezionamento dell’operazione di fusione che, dopo il completamento dell’aumento di capitale, prevede di fatto solo l’ulteriore incremento del livello dei copertura dei crediti deteriorati al fine di allinearlo alla media delle banche italiane di pari rilevanza. Questo orientamento influenzerà negativamente la redditività del Banco Popolare nel breve periodo.

Tutte le ultime su: banco popolare , primo semestre 2016
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.