NAVIGA IL SITO

Banca Generali, utile in forte aumento nel 2019. Dividendo 2020 di 1,85 euro

La distribuzione del dividendo avrà luogo in due momenti distinti: 1,55 euro saranno assegnati il 18 maggio 2020, mentre i restanti 0,3 euro saranno staccati il 18 gennaio 2021

di Edoardo Fagnani 9 mar 2020 ore 20:50

banca-generali_1Banca Generali ha comunicato i risultati definitivi del 2019, che hanno confermato i numeri diffusi il 10 febbraio.

La compagnia ha chiuso lo scorso esercizio con un utile netto di 272,1 milioni di euro, in aumento del 51,1% rispetto ai 180,1 milioni contabilizzati nell’esercizio precedente. La compagnia ha precisato che la forte crescita del risultato finale è stata trainata dallo sviluppo delle attività ricorrenti (+12,7% a 150 milioni l’utile core al netto delle voci variabili dai mercati) ed è stata supportata dall’espansione dimensionale, così come dalle molteplici iniziative nella diversificazione dei prodotti e dei servizi.

Il margine di intermediazione è balzato dal 28,6% a 578 milioni di euro, grazie alla crescita del margine d’interesse e alle commissioni ricorrenti (gestione, sottoscrizione e bancarie) con un profilo di sempre maggiore diversificazione. Al risultato ha contribuito anche l’incremento delle voci di ricavo legate alla dinamica dei mercati finanziari e alla performance generata per i clienti. Sempre nell’intero 2019 la raccolta netta è stata pari a 5,1 miliardi di euro.

Nel solo quarto trimestre l’utile netto di Banca Generali è salito del 71,9% a 76,1 milioni di euro.

 

A fine 2019 le masse amministrate in gestione si sono attestate a 69 miliardi di euro (+20% da inizio anno); il dato include 2,2 miliardi legati al consolidamento delle neo-acquisite Nextam Partners e Valeur in Svizzera.

Sempre al 31 dicembre 2019 il Common Equity Tier 1 si è attestato al 14,6%; Banca Generali ha precisato che questa voce ha risentito dell’applicazione dei nuovi principi contabili e del consolidamento delle neo-acquisite Nextam Partners e Valeur che hanno comportato un impatto straordinario pari a 119 punti base sul CET1 ratio.

 

Il management di Banca Generali ha anticipato che il primo mese dell’anno ha evidenziato un risultato positivo per la banca sia in termini di gestione sia di risultati commerciali nonostante le persistenti tensioni geopolitiche.

I vertici della compagnia hanno segnalato che a gennaio 2020 la raccolta netta è stata pari a 438 milioni di euro.

 

I vertici di Banca Generali hanno proposto la distribuzione di un dividendo 2020 (relativo all’esercizio 2019) di 1,85 euro per azione (pay-out del 79%), in aumento rispetto alla cedola di 1,25 euro assegnata lo scorso anno. Banca Generali ha precisato che la cedola risulta nella parta alta della guidance ribadita in occasione della presentazione del piano triennale. La distribuzione del dividendo, per un ammontare complessivo di 216,2 milioni di euro, avrà luogo in due momenti distinti: 1,55 euro saranno assegnati il 18 maggio 2020 e messi in pagamento il 20 maggio; mentre i restanti 0,3 euro saranno staccati il 18 gennaio 2021 e messi in pagamento il 20 gennaio.

Banca Generali ha precisato che la possibilità di procedere alla distribuzione del dividendo in due momenti verrà mantenuta anche per gli esercizi futuri.

 

LEGGI ANCHE: Dividendi 2020 FTSEMib: entità e calendario degli stacchi

Tutte le ultime su: banca generali , bilanci 2019 , dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Fattura elettronica, chi ha l'obbligo di emetterla e come deve adempiervi

La fattura elettronica è il documento fiscale telematico che deve essere emesso per la cessione di un bene o la prestazione di un servizio. Tutto quello da sapere

da

ABCRisparmio

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Dal 2020 possono usufruire dell’assegno mensile di sostentamento, meglio noto come “Bonus Bebè”, tutte le famiglie senza limiti reddituali Continua »