NAVIGA IL SITO

Con l'IPO di Moncler Piazza Affari è di moda

Dopo i recenti collocamenti di Salvatore Ferragamo e di Brunello Cucinelli anche Moncler tenta l’avventura di Piazza Affari, sperando di ripetere il cammino delle due matricole

di Edoardo Fagnani 29 nov 2013 ore 15:11
Borsa Italiana nuovo polo finanziario della moda? Dopo i recenti collocamenti di Salvatore Ferragamo e di Brunello Cucinelli anche Moncler tenta l’avventura di Piazza Affari, sperando di ripetere il cammino delle due matricole. Le quotazioni di Salvatore Ferragamo e di Brunello Cucinelli, infatti, sono abbondantemente sopra il prezzo di collocamento.
L’offerta è partita giovedì 28 novembre e terminerà mercoledì 11 dicembre alle 13.30. La società dovrebbe debuttare a Piazza Affari il 16 dicembre.

IPO Moncler: le caratteristiche dell'offerta
IPO Moncler, come sta andando il collocamento

La quotazione di Moncler avverrà tramite un’offerta pubblica di vendita, per un ammontare complessivo di 66,8 milioni di azioni. Tutte le azioni saranno venduti dagli attuali azionisti. Nel dettaglio, 35 milioni di titoli saranno messi sul mercato da ECIP M (società anonima di diritto lussemburghese controllata da Eurazeo), 22,5 milioni saranno venduti da CEP III Participations (società di investimento il cui consiglio di amministrazione è nominato direttamente da Carlyle Europe Partners III), mentre le restanti 9,3 milioni di azioni saranno messe a disposizione da Brands Partners 2 (società costituita in forma di società per azioni che vede al suo interno diversi soggetti). L’offerta potrebbe salire fino a 76.820.000 milioni di azioni in caso di esercizio integrale della greenshoe a disposizione dei collocatori (10,2 milioni di azioni). Questi titoli saranno ceduti da ECIP M e da CEP III Participations.
moncler5In caso di sottoscrizione integrale delle azioni offerte, il flottante dell’azienda si attesterà al 26,72%,
quota che potrebbe salire al 30,73% qualora fosse esercitata integralmente la greenshoe. Nel prospetto informativo Moncler ha ricordato che entro 6 giorni dalla data di inizio delle negoziazioni ECIP M assegnerà un numero di azioni pari al 5,081% del capitale ai propri azionisti diversi da Eurazeo, nessuno dei quali deterrà singolarmente partecipazioni rilevanti nell’azienda.
Di conseguenza, le quote di ECIP M e di CEP III Participations dovrebbero scendere rispettivamente al 25,77% (23,33% con l’esercizio della greenshoe) e all’8,7% (7,13% con l’esercizio della greenshoe). La partecipazione di Brands Partners 2 si ridurrà dal 4,944% all’1,26%, mentre quella di Ruffini Partecipazioni (società che fa capo a Remo Ruffini e partecipata da TamburiIP) subirà solo una leggera limatura, passando dal 32% al 31,9%.

La forchetta indicativa di prezzo è stata fissata tra gli 8,75 euro a i 10,2 euro per azione
, che equivale a una differenza del 16,6% tra gli estremi. Sulla base di questa indicazione Moncler è stata valorizzata tra i 2,19 miliardi e i 2,55 miliardi di euro.

monclerNel prospetto informativo l’azienda ha precisato che circa il 90% delle azioni offerte sarà destinato agli investitori istituzionali, mentre solo il restante 10% è riservato al retail. Il lotto minimo è di 500 azioni (5mila per il lotto minimo maggiorato, cui è stato riservato fino al 50% dell’offerta pubblica). Per partecipare all’offerta, quindi, bisognerà spendere una cifra minima compresa tra i 4.375 e i 5.100 euro.

Sempre nel prospetto informativo, Moncler ha ricordato che il 5 giugno 2011, l’azienda aveva sottoscritto un contratto preliminare di compravendita con Eurazeo, funzionale all’ingresso del gruppo francese nel capitale. L’operazione si sarebbe concretizzata con l’acquisto da parte di ECIP M di una partecipazione pari al 45% del capitale per un corrispettivo complessivo di 418 milioni di euro. Il contratto di compravendita è stato perfezionato il 12 ottobre 2011.

Nel documento che accompagna l’operazione Moncler ha precisato che gli azionisti venditori si sono impegnati a non cedere le restanti azioni in possesso per un periodo di 180 giorni, decorrenti dalla data di inizio delle negoziazioni dei titoli. Per gli altri azionisti, invece, il lock-up è stato fissato a 365 giorni.

Nel prospetto informativo Moncler ha segnalato che i principali azionisti dell'azienda hanno sotto scritto un patto parasociale, che entrerà in vigore a partire dal primo giorno di negoziazione delle azioni e avrà durata fino al 15 ottobre 2016. Le partecipazioni al capitale sociale detenute dagli azionisti stipulanti il patto parasociale, saranno pari rispettivamente al 23,33% per ECIP M, al 31,9% per Ruffini Partecipazioni e al 7,13% per CEPIII Partecipations. Nel prospetto è precisato che, nel caso in cui Ruffini Partecipazioni cessi di detenere una partecipazione almeno pari al 30% del capitale,  i soci Ruffini Partecipazioni, ECIP M e CEP III Participations si sono impegnati a negoziare in buona fede nuove regole governance.
Tutte le ultime su: ipo moncler , moncler
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.