NAVIGA IL SITO

Cogeme SeT sceglie l’Expandi

Con l’emissione di 4,9 milioni di nuove azioni Cogeme SeT riuscirà a raccogliere una cifra compresa vicina ai 18 milioni di euro, al lordo dei costi di quotazione. Il management della società ha anticipato che queste risorse saranno utilizzate per rafforzare la struttura brasiliana e per completare l’impianto di produzione in Romania.

di La redazione di Soldionline 13 dic 2006 ore 10:55

Dopo l'infornata di matricole che nelle ultime settimane ha coinvolto principalmente il segmento Star, anche l'Expandi si prepara ad accogliere una nuova azienda. Si tratta della laziale Cogeme SeT.
La società non ha proceduto con un'offerta pubblica, ma ha offerto le proprie azioni solo agli investitori istituzionali e agli operatori qualificati. La scelta di Cogeme SeT è stata suggerita dal collocatore Unipol Merchant Bank, che aveva proposto la stessa soluzione anche per Kerself e Monti Ascensori, ambedue quotate al segmento Expandi. La scelta è stata dettata dalla necessità di contenere i costi di quotazione, sulla base delle limitate dimensioni dell'operazione.
Cogeme SeT dovrebbe debuttare all'Expandi venerdì 15 dicembre. La società non avrà la trattazione continua, ma solo le fasi di asta di apertura e di chiusura.
La società si quoterà tramite
un'offerta pubblica di vendita e sottoscrizione. Le azioni che finiranno sul mercato arriveranno in gran parte da un aumento di capitale dedicato, pari a 4,9 milioni di azioni, mentre 1,05 milioni saranno vendute dall'azionista di riferimento TMS-EKAB (una fiduciaria che comprende un gruppo di imprenditori padani). L'azionista di controllo ha messo a disposizione altre 744mila azioni, destinate all'eventuale esercizio della greenshoe a disposizione dei collocatori. Di conseguenza, la quota di controllo di TMS-EKAB potrebbe ridursi dall'attuale 99,1% al 63,9%, caso di esercizio integrale della greenshoe. Il flottante, invece, potrà variare dal 31,5% al 35,4%. Sulla base di queste cifre, Cogeme SeT non sarà contendibile.
Il prezzo di offerta è stato stabilito a 3,65 euro, a circa metà della forchetta di prezzo indicativa è stata fissata in un intervallo compreso tra i 3,25 euro e i 3,95 euro per azione. Sulla base del prezzo di collocamento e considerando la sottoscrizione integrale delle azioni derivanti dall'aumento di capitale, l'intera società è stata valorizzata 69 milioni di euro.
Con l'emissione di 4,9 milioni di nuove azioni Cogeme SeT riuscirà a raccogliere una cifra compresa vicina ai 18 milioni di euro, al lordo dei costi di quotazione. Il management della società ha anticipato che queste risorse saranno utilizzate per rafforzare la struttura brasiliana e per completare l'impianto di produzione in Romania. Cogeme SeT non esclude l'espansione in Asia, replicando il modello di crescita internazionale, sulla spinta delle richieste dei produttori di automobili. La società guarda principalmente all'India.

L'attività
Cogeme SeT (dove SeT significano 'soluzioni & tecnologia') è una società attiva dal 1991 nel campo dell'industrializzazione e fabbricazione di componentistica metallica di precisione ottenuta tramite lavorazione meccanica per applicazioni industriali ed autoveicolistiche. La società è nata negli anni cinquanta, come esportatrice di truciolo, negli ultimi venticinque anni sì è via via concentrata nel campo dell'automotive, operando con primari clienti internazionali ed esteri. Da diversi anni opera in autocertificazione. Il gruppo, oltre che sul territorio italiano, opera, tramite la collegata Cogeme do Brasil Ltda, anche in Brasile. A partire dal mese di marzo è partita l'attività produttiva in Romania, gestita dalla controllata Cogeme Set Ro. Il management del gruppo ha precisato che l'espansione in questi due paesi non è dovuta alla volontà di delocalizzare l'attività produttiva (anche se i costi di produzione sono contenuti, grazie alle minori spese per il personale) ma è avvenuta su precisa richiesta dei principali clienti. In questi due paesi Cogeme SeT può beneficiare anche di condizioni fiscali di vantaggio.
Nel dettaglio,
l'azienda è attiva in quattro segmenti di attività.
- Sistemi turbocompressi. Rappresentano il 40% del giro d'affari del gruppo.
- Sistemi a iniezione. Nel 2005 hanno pesato sul 35% dell'intero fatturato.
- Sistemi di scarico.
- Sistemi di trasmissione. Insieme alla precedente divisione ha contribuito al 15% dei ricavi complessivi.
Il restante 10% del giro d'affari di Cogeme SeT è arrivato dalla componentistica generica.
Le produzioni della società sono destinate alle grandi case automobilistiche e di componentistica di primo livello. Tra i principali clienti ci sono Fiat, Volkswagen, Audi, Renault, Opel, Honeywell, Magneti Marelli, Siemens, Breed e Delphy.
La produzione di Cogeme Set è molto ampia. Oltre ai componenti in acciaio inossidabile filettati e lavorati, rientrano nella produzione: raccordi e tappi, inserti; inserti filettanti, perni filettanti, componenti meccanici qualificati, piccoli assemblati, perni a sfera e viti speciali. La società può vantare numerose certificazioni di qualità, assegnate anche da alcuni clienti.
Nel 2005 la società ha dedicato alla ricerca e sviluppo una cifra compresa tra il 2% e il 3% del giro d'affari realizzato. Il management ha confermato che questo livello sarà sostenibile anche nei prossimi esercizi.


- Le caratteristiche dell'offerta

Tutte le ultime su: IPO
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Cosa sono (e quali sono) le categorie catastali

Cosa sono (e quali sono) le categorie catastali

Le categorie catastali sono una classificazione degli immobili urbani che indica la destinazione d'uso degli immobili stessi. Ecco cosa e quali sono. E a cosa servono Continua »