NAVIGA IL SITO

Buffagni: “Gubitosi sbaglia al Paese occorre una rete unica che non sia controllata da Tim” (La Repubblica)

di Redazione Lapenna del Web 21 ago 2020 ore 08:08 Le news sul tuo Smartphone

gruppo-timLa Repubblica ha intervistato il viceministro allo Sviluppo economico, Stefano Buffagni, circa le posizioni di Telecom Italia sulla rete unica.

L'articolo di Giovanni Pons prende spunto dall'intervista - pubblicata il giorno precedente - all'amministratore delegato di TIM, Luigi Gubitosi (Gubitosi: "Tim farà la rete unica per l’Italia. Ma vogliamo il controllo della nuova società"), sulle trattative che coinvolgono la società, il fondo americano Kkr, Enel e Cdp per la creazione della rete unica.

Secondo quanto riportato dal quotidiano TIM si dovrebbe pronunciare sull'offerta vincolante di Kkr per le quote di Fibercop a fine mese, ma il viceministro sottolinea che, nonostante le decisioni spettino al cda, gli azionisti dovrebbero conoscere il reale apporto di valore dell'operazione. Buffagni ha poi aggiunto che "è un progetto parziale, limitato sia in termini di perimetro della rete conferita e sia in termini di tecnologie utilizzate. Inoltre mantiene verticalmente integrata l’azienda e dunque non risulta idoneo a cogliere le sfide tecnologiche che come sistema Paese dovremo affrontare nei prossimi mesi ed anni, a partire dalle risorse del Recovery Fund".

Il viceministro ha poi evidenziato come non sarebbe adeguato dare la maggioranza e il controllo a una sola società di un progetto così importante come la rete unica. La scissione tra la rete e i servizi di TIM è infine l'ultima questione sul tavolo della discussione. "Sì, sarebbe un progetto in grado di creare valore per tutti, azionisti in primis, se ben implementato" avrebbe risposto Stefano Buffagni mostrandosi aperto verso la soluzione.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: telecom italia