NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Brioschi, in aumento l'indebitamento a fine agosto 2017

Brioschi, in aumento l'indebitamento a fine agosto 2017

di Edoardo Fagnani 29 set 2017 ore 12:25 Le news sul tuo Smartphone

brioschi_1Brioschi ha comunicato l’aggiornamento mensile sulla struttura patrimoniale del gruppo.

A fine agosto 2017 l’indebitamento netto della società era salito a 211,9 milioni dai 210,9 milioni del mese precedente.

 

La società ha precisato che, con riferimento ai debiti commerciali, a fine agosto risultavano scadute posizioni per complessivi 4,3 milioni di euro (un milione riferiti a Brioschi), di cui 1,2 milioni in contestazione.

Con riferimento ai debiti di natura tributaria, a fine agosto residuavano posizioni scadute per complessivi 3,4 milioni di euro (1,1 milioni relativi a Brioschi).

Brioschi ha aggiunto che non si segnalano significative azioni da parte dei creditori, ad eccezione di un decreto ingiuntivo su una posizione oggetto di contestazione (0,9 milioni di euro) in relazione alla quale è stato presentato atto di opposizione ed è stata sospesa la provvisoria esecutività; il relativo giudizio è in corso di svolgimento.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: brioschi Quotazioni: BRIOSCHI
da

SoldieLavoro

Smart working: cos'è e come funziona il lavoro agile

Smart working: cos'è e come funziona il lavoro agile

Per legge italiana è il lavoro agile. Per quasi tutti è lavorare da casa. Vediamo cos'è lo smart working, il modo di lavorare che può cambiare la vita Continua »

da

ABCRisparmio

Come detrarre asilo, scuole e università dal modello 730

Come detrarre asilo, scuole e università dal modello 730

Nella dichiarazione dei redditi è possibile detrarre le spese per istruzione. Tra queste ci sono quelle per l'asilo, le scuole e l'università. Continua »