NAVIGA IL SITO

Borse, possibile un avvio in rosso: attesa per l'asta dei Btp

di Edoardo Fagnani 13 nov 2013 ore 07:55 Le news sul tuo Smartphone
Piazza Affari e le principali borse europee potrebbero iniziare la giornata con gli indici in territorio negativo. Anche oggi riflettori accesi sulle aste dei titoli di stato italiani: il Tesoro collocherà due Btp (un triennale e un trentennale) e un CCteu.

Occhi puntati su UBI Banca, in attesa della diffusione dei risultati trimestrali.

Riflettori accesi anche sul Banco Popolare. L’istituto ha terminato i primi nove mesi del 2013 con un utile netto di 165,4 milioni, in miglioramento rispetto alla perdita di 53,8 milioni del corrispondente periodo dell’esercizio precedente. A fine settembre il Core Tier 1 Ratio ha toccato il 10,3%, in crescita rispetto al 10,1% del 30 giugno 2013 e del 31 dicembre 2012. Nel corso della conference call a commento dei risultati trimestrali, il numero uno del Banco Popolare, Pierfrancesco Saviotti, ha precisato che l’istituto affronterà con tranquillità i prossimi stress test che misureranno la solidità degli istituti di credito italiani. Inoltre, il manager ha dichiarato di essere disponibile a un nuovo mandato triennale, nel caso in cui il CdA decidesse di ricandidarlo.

Da monitorare Mediaset. Il gruppo del Biscione ha chiuso i primi nove mesi del 2013 con ricavi per 2,39 miliardi di euro, in flessione rispetto ai 2,66 miliardi realizzati nello stesso periodo dello scorso anno. Mediaset ha terminato il periodo gennaio-settembre con una perdita netta di 27,3 milioni di euro, in calo rispetto al rosso di 45,9 milioni contabilizzato nei primi nove mesi del 2012. Il management ha segnalato che la raccolta pubblicitaria al termine dei primi dieci mesi ha confermato il trend di stabilizzazione, tendenza che dovrebbe confermarsi anche nell’ultima parte dell’anno. I vertici prevedono per l’intero esercizio una forte generazione di cassa, e la conseguente riduzione del livello di indebitamento.

Variazioni frazionali per i principali indici a Wall Street nella seduta di ieri. Il Dow Jones ha registrato una flessione dello 0,21% a 15.751 punti. Performance simile per l’S&P500 (-0,24% a 1.768 punti). Sulla parità il Nasdaq che è rimasto invariato a 3.920 punti. Chiusura negativa per Twitter, che ha terminato la giornata con un ribasso del 2,3% a 41,9 dollari.

Seduta con pochi spunti per la borsa di Tokyo, dopo i forti rialzi messi a segno nelle scorse due sedute. L’indice Nikkei ha terminato la giornata con un minimo ribasso dello 0,15% a 14.567 punti. Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: ubi banca , banco popolare , mediaset