NAVIGA IL SITO

Borse brillanti: volano i bancari

Riflettori accesi anche sulle aste dei titoli italiani a breve. In recupero Enel, dopo i ribassi dei giorni scorsi. I buoni dati di bilancio hanno trascinato al rialzo Pirelli

di Edoardo Fagnani 13 mar 2012 ore 17:53

Piazza Affari e le principali borse europee in forte rialzo, in scia ai buoni dati dall’economia tedesca. Riflettori accesi anche sulle aste dei titoli italiani a breve termine. Le attenzioni degli operatori erano per il BOT con scadenza annuale, che ha mostrato un calo del rendimento all’1,4%. In generale rialzo i bancari, dove spicca l’ottima performance di IntesaSanapolo. In recupero Enel, dopo i ribassi dei giorni scorsi. I buoni dati di bilancio hanno trascinato al rialzo Pirelli.
Il FTSEMib ha guadagnato il 2,08% a 16.799 punti, molto vicino al massimo di 16.816 punti. Il FTSE Italia All Share ha registrato un rialzo dell’1,9% a 17.810 punti. Bene anche il FTSE Italia Mid Cap (+1,05%) e il FTSE Italia Star (+1,16%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è salito a 2,21 miliardi di euro, ai 2,19 miliardi di ieri. Su 331 titoli trattati, 215 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre le performance negative sono state 101. Invariate le restanti 15 azioni.
L’euro è sceso a 1,31 dollari, prima delle decisioni della FED in materia di politica monetaria. L’oro si è attestato a 1.700 dollari.

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB


Acquisti sui bancari
. IntesaSanpaolo ha registrato un progresso del 3,97% a 1,492 euro. Il numero uno dell’istituto, Enrico Cucchiani, non ha voluto commentare le indiscrezioni relative al dividendo e a eventuali maxisvalutazioni nel bilancio del 2011 che sarà approvato nei prossimi giorni. Intanto, il Credit Suisse ha ritoccato al rialzo il prezzo obiettivo su IntesaSanpaolo, portandolo da 1,5 euro a 1,53 euro, nonostante la revisione delle stime sull’utile per azione. Gli esperti hanno confermato il giudizio “Neutrale”.
UBI Banca è salita del 2,1% a 3,6 euro. Il Sole24Ore ha riportato la notizia che l’istituto ha ceduto il 26,7% del capitale detenuto in Arca. L’operazione dovrebbe comportare una plusvalenza di 7 milioni di euro.
In rialzo Unicredit. Il titolo dell’istituto ha guadagnato il 3,9% a 4,052 euro. Gli analisti di Exane hanno migliorato il giudizio sulla banca guidata da Federico Ghizzoni, portandolo ad “Outperform” (farà meglio del mercato). Gli esperti hanno confermato il prezzo obiettivo di 4,8 euro. La stessa banca d’affari ha incrementato il prezzo obiettivo su Monte dei Paschi di Siena (-0,42% a 0,3795 euro) e sul Banco Popolare (+4,96% a 1,652 euro), portandolo rispettivamente a 0,34 euro e a 1,3 euro.
La Popolare dell’Emilia Romagna è salita del 4,48% a 6,53 euro. In giornata si sono riuniti i vertici del’istituto per l’esame dei risultati del 2011. Prima della diffusione dei dati di bilancio gli analisti di Exane hanno migliorato il giudizio sull’istituto, portandolo da “Underperform” (farà peggio del mercato) a “Neutrale”. Gli esperti hanno anche alzato a 6,8 euro per azione la valutazione sull’istituto.

Sono tornati gli acquisti su Enel (+1,57% a 2,854 euro), dopo la discesa registrata nelle ultime sedute. Gli analisti di Deutsche Bank hanno tagliato da 3,8 euro a 3 euro il prezzo obiettivo sul colosso elettrico. Snam è salita dello 0,7% a 3,716 euro. La società ha ufficializzato i dati di bilancio del 2011, esercizio chiuso con un utile netto di 790 milioni di euro. Inoltre, Snam ha presentato il piano strategico per il periodo 2012/2015. L'azienda ha confermato l'obiettivo di incrementare del 4% il dividendo relativo all'esercizio 2012.
In generale rialzo i petroliferi. Eni ha guadagnato l’1,72% a 18,31 euro. Performance positiva anche per Saipem (+0,6% a 38,44 euro). La società ha terminato il 2011 con un utile netto di 921 milioni di euro, dagli 844 milioni di euro nel 2010. Il management ha proposto la distribuzione di un dividendo di 0,70 euro per ogni azione ordinaria e di 0,73 euro per ogni azione di risparmio. Bene anche Tenaris (+2,27% a 15,77 euro). Senza scossoni Erg (invariata a 8,52 euro) e Saras (+0,8% a 1,013 euro).
A2A ha registrato un rialzo dell’1,74% a 0,7015 euro. Kepler ha tagliato da un euro a 0,8 euro per azione la valutazione sulla municipalizzata milanese. Gli esperti hanno ribadito il giudizio “Hold” (mantenere). La stessa banca d’affari ha sforbiciato da 2,7 euro a 2,3 euro il prezzo obiettivo su Iren (+5,5% a 0,7005 euro). Confermato il giudizio “Buy” (acquistare). Acea ha recuperato il 2,35% a 5,235 euro. Francesco Gaetano Caltagirone ha venduto 56mila azioni della municipalizzata romana, incassando poco meno di 300mila euro. Di conseguenza, la quota dell’imprenditore sarebbe scesa al 16,23%.
Alerion Cleanpower è scesa dell’1,16% a 4,266 euro. La società ha chiuso lo scorso anno con utile netto di 8 milioni di euro, rispetto al rosso di 4,6 milioni del 2010. Il management ha proposto la distribuzione di un dividendo di 0,12 euro, in aumento rispetto agli 0,011 euro assegnati lo scorso anno.


In recupero la galassia Ligresti dopo i pesanti ribassi subiti ieri. Fondiaria-SAI è salita del 2,91% a 1,293 euro. MF ha segnalato che il piano relativo al riassetto della galassia Ligresti, che dovrebbe essere fusa con Unipol (+0,79%), è arrivato nelle scorse ore agli istituti creditori. Intanto, secondo quanto scritto su Il Messaggero, l’ISVAP avrebbe chiesto che l’aumento di capitale di capitale di Fondiaria-SAI non sia inferiore al miliardo di euro.

Mediaset ha messo a segno un progresso del 3,7% a 2,184 euro. Goldman Sachs ha sforbiciato da 2,3 euro a 1,92 euro per azione la valutazione sul gruppo del Biscione, in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il triennio 2011/2013. Gli esperti hanno ribadito l’indicazione di vendita delle azioni.

Tra le altre società a maggiore capitalizzazione spicca l’ottima performance di Pirelli (+6,86% a 8,96 euro, dopo uno stop per eccesso di rialzo). Kepler ha alzato da 7,8 euro a 9,8 euro il prezzo obiettivo sul gruppo della Bicocca, in seguito al miglioramento delle stime per il triennio 2012/2014. Anche Banca Akros ha incrementato il target price su Pirelli, portandolo da 7,5 euro a 9,3 euro. Gli esperti delle due banche d’affari hanno ribadito l’indicazione di acquisto delle azioni. Sulla stessa lunghezza d’onda Cheuvreux ed Exane, che hanno incrementato a 10 euro il target price su Pirelli. Cheuvreux ha confermato la società nella propria lista di titoli preferiti, mentre Exane ha ribadito il giudizio “Outperform” (farà meglio del mercato).
Molto bene anche Tod’s (+7,17% a 84,45 euro). La società del lusso ha terminato il 2011 con un fatturato pari a 893,6 milioni di euro, in crescita del 13,5% rispetto all’anno precedente. L’utile netto è balzato del 23,8% a 135 milioni. Il management ha proposto la distribuzione di un dividendo pari a 2,5 euro, in crescita del 25% rispetto a quello dello scorso esercizio.
Buzzi Unicem ha guadagnato il 6,32% a 9,09 euro. La controllata tedesca Dyckerhoff ha terminato il 2011 con ricavi in aumento del 12,3% a 1,6 miliardi di euro, mentre l’utile netto è balzato da 6,4 milioni a 65,6 milioni di euro.
Diasorin è salita del 3,29% a 20,39 euro. La società ha annunciato una partnership commerciale con Sonic Healthcare Group nel settore della VitaminaD. Intanto, dalle comunicazioni giornaliere diffuse dalla Consob si apprende che l’8 marzo Zadig Gestion ha incrementato la quota detenuta nel capitale di Diasorin, portandola dal 2,503% al 3,018%.
Campari ha recuperato lo 0,28% a 5,365 euro, dopo il pesante ribasso di ieri. Non si sono fatti attendere i nuovi giudizi delle banche d’affari. Barclays ha deciso di migliorare il giudizio sulla società, portandolo da “Underweight” (sottopesare) a “Equalweight” (neutrale). Gli esperti hanno anche alzato da 5 euro a 5,25 euro il target price. Al contrario, Nomura e UBS hanno tagliato a 5,2 euro il prezzo obiettivo su Campari, confermando il giudizio “Neutrale”.
Luxottica ha messo a segno rialzo dell’1,9% a 27,41 euro. La società ha comunicato che il bond settennale da 500 milioni di euro collocato ieri presso investitori istituzionali ha ottenuto richieste per oltre 7 miliardi di euro.
Lottomatica ha guadagnato l’1,66% a 14,09 euro. La società e International Game Technology hanno siglato un accordo di collaborazione per la fornitura di giochi e terminali per le videolotterie in Italia.

Pochi spunti tra le aziende a media capitalizzazione. Sorin ha guadagnato lo 0,93% a 1,417 euro. Gli analisti di Jefferies hanno tagliato da 2,7 euro a 2,3 euro il target price sulla società biomedica. Tuttavia, gli esperti hanno ribadito l’indicazione di acquisto delle azioni.

Al segmento STAR spicca il balzo di Poltrona Frau (+6,04% a 1,018 euro). La società ha terminato il 2011 con una forte crescita dell’utile netto.
EI Towers è salita del 2,17% a 19,31 euro. Gli analisti di Mediobanca hanno iniziato la copertura sulla società con una valutazione di 29,5 euro per azione e un giudizio “Outpeform” (farà meglio del mercato).
Fiera Milano ha ceduto il 2,5% a 3,98 euro. Banca Akors ha peggiorato il giudizio sulla società, portandolo da “Accumulate” a “Hold” (mantenere).
TamburiIP ha guadagnato l’1,21% a 1,5 euro. Dalle comunicazioni giornaliere diffuse dalla Consob si apprende che il 7 marzo Francesco Angelini è diventato uno dei maggiori azionisti della holding. Il socio è accreditato del 2,004% del capitale di TamburiIP.

Tutte le ultime su: piazza affari , intesasanpaolo , bot , enel , pirelli
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.