NAVIGA IL SITO

Ecco quando la borsa italiana è chiusa (e aperta) nel 2022

Borsa Italiana osserva dei turni di riposo in alcune giornate (anche feriali) e rimane invece aperta in altri giorni festivi. Il calendario 2022 delle contrattazioni di Piazza Affari

di Redazione Soldionline 12 ago 2022 ore 17:24

borsa_milanoBorsa Italiana (come gli altri principali mercati finanziari mondiali) osserva dei turni di riposo in alcune giornate.

E rimane aperta in altri giorni festivi, durante i quali uffici e altre attività rimangono a riposo.

 

Nel dettaglio Piazza Affari, nel 2022, rimarrà chiusa, oltre che ogni sabato ed ogni domenica, solo in una giornata feriale:

  • venerdì 15 aprile

Come da tradizione, infatti, il mercato italiano osserva un turno di stop il Venerdì Santo (che nel 2022 è caduto il 15 aprile), mentre la vigilia di Natale e il 31 dicembre saranno di sabato.

 

Borsa Italiana resterà chiusa in altre tre giornate festive:

  • lunedì 18 aprile (lunedì dopo Pasqua)
  • lunedì 15 agosto (Ferragosto)
  • lunedì 26 dicembre (Santo Stefano)

 

Al contrario, in alcune giornate festive il mercato resterà aperto con i consueti orari di contrattazione; è il caso di giovedì 6 gennaio (Epifania), lunedì 25 aprile (Anniversario della Liberazione), giovedì 2 giugno (Festa della Repubblica), martedì 1° novembre (Ognissanti) e giovedì 8 dicembre (Immacolata Concezione).

 

Maggiori sono le giornate di chiusura per la sessione afterhours.

Non ci saranno contrattazioni dopo la chiusura ufficiale di Borsa Italiana nelle seguenti giornate:

  • nei primi giorni di gennaio (lunedì 3, martedì 4, mercoledì 5, giovedì 6 e venerdì 7)
  • giovedì 14 aprile (Giovedì Santo)
  • il 2 e il 3 giugno
  • tutto il mese di agosto
  • il 31 ottobre e il 1° novembre
  • in alcuni giorni di dicembre (mercoledì 7, giovedì 8, venerdì 9, venerdì 23, martedì 27, mercoledì 28, giovedì 29 e venerdì 30).
Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.