NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib chiude in rosso ma rimane oltre 22mila punti

Giornata all’insegna dell'incertzza per i bancari. Resta positivo il trend di Moncler. Guala Closures si allinea al prezzo dell'OPA di Special Packaging Solutions Investments

di Edoardo Fagnani 8 dic 2020 ore 17:45

analisi-tecnica-ftsemibI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la seduta con variazioni minime. Il giudizio degli analisti di Anima sull’asset class azionaria si conferma costruttivo. Secondo gli esperti le preferenze in termini di allocazione geografica e settoriale riflettono le aspettative di consolidamento della ripresa nel medio termine e prosecuzione della rotazione “pro-ciclica”. Tuttavia, resta "la consapevolezza che il percorso non sarà lineare e che fasi di volatilità sono possibili, con movimenti potenzialmente anche significativi nelle performance relative di stili e settori", hanno avvertito gli analisti di Anima.

Il FTSEMib ha registrato una flessione dello 0,24% a 22.053 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 21.904 punti e un massimo di 22.106 punti. Il FTSE Italia All Share ha chiuso in calo dello 0,15%. Segno più, invece, per il FTSE Italia Mid Cap (+0,62%) e per il FTSE Italia Star (+0,67%). Nella seduta dell'8 dicembre 2020 il controvalore degli scambi è sceso a 1,52 miliardi di euro, rispetto agli 1,89 miliardi di lunedì; sono passate di mano 637.695.096 azioni (750.352.082 nella seduta di lunedì). Su 411 titoli trattati, 194 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 184; invariate le restanti 33 azioni.

L’euro si è riportato a 1,21 dollari, mentre il bitcoin è sceso sotto i 19.000 dollari (circa 15.500 euro).

Lo spread Btp-Bund ha oscillato tra i 115 e i 120 punti.

 

Giornata all’insegna dell'incertzza per i bancari.

In ribasso di un oltre punto percentuale UniCredit (-1,42% a 7,92 euro) in linea con il trend negativo degli ultimi giorni.

 

Ancora un forte rialzo per Moncler (+2,05% a 44,9 euro). Alcune banche d’affari hanno alzato il target price sul gruppo dei piumini, dopo l’annuncio del progetto di aggregazione con Sportswear Company, società titolare del marchio Stone Island.

 

Fincantieri ha recuperato lo 0,16%. Il Sole24Ore è tornato sul progetto di integrazione con Chantiers de l’Atlantique, ormai fermo da diversi mesi, riprendendo le dichiarazioni rilasciate dal presidente del gruppo della cantieristica, Giampiero Massolo. Il presidente ha precisato che, se entro la fine di dicembre la Commissione Europea non prenderà una decisione sull’operazione, deciderà se confermare o meno l’offerta per rilevare il gruppo francese.

 

Guala Closures ha registrato un balzo del 18% a 8,26 euro. Special Packaging Solutions Investments (società il cui capitale è indirettamente detenuto dal fondo Investindustrial VII) ha sottoscritto accordi vincolanti per l’acquisto di una partecipazione che, sommata alle azioni già detenute, rappresenta il 48,9% del capitale sociale fully diluted della società quotata al segmento STAR. Di conseguenza, l’acquirente, lancerà un’offerta pubblica totalitaria di acquisto obbligatoria sul capitale ordinario di Guala Closures a un prezzo di 8,2 euro per azione, valore che si confronta con i 7 euro della chiusura del 7 dicembre 2020.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.