NAVIGA IL SITO

Le borse affondano: FTSEMib -2,5%

IntesaSanpaolo guida il calo dei titoli del settore bancario. Giornata decisamente negativa anche per Ferrari e STM. Ottima performance, invece, per FinecoBank.

di Edoardo Fagnani 6 lug 2023 ore 17:44

mercato-azionario-negativoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la giornata in forte ribasso, registrando cali nell'ordine del 2-3%. I primi dati relativi al mercato del lavoro a giugno negli Stati Uniti hanno evidenziato un forte miglioramento dell’occupazione. Secondo gli operatori, questo potrebbe portare la FED a confermare la politica monetaria restrittiva.

I FTSEMib ha subito una flessione del 2,53% a 27.507 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 27.420 punti e un massimo di 28.038 punti. Il FTSE Italia All Share ha chiuso in calo del 2,47%. In rosso anche il FTSE Italia Mid Cap (-1,93%) e il FTSE Italia Star (-2,36%). Nella seduta del 6 luglio 2023 il controvalore degli scambi è salito a 2,71 miliardi di euro, rispetto ai 2,07 miliardi di mercoledì.

Il bitcoin si è attestato sotto i 30.500 dollari (poco meno di 28.000 euro).

Lo spread Btp-Bund si è avvicinato ai 175 punti, con il rendimento del Btp decennale che ha sfiorato il 4,4%.

L’euro ha oscillato tra gli 1,085 e gli 1,09 dollari.

 

Ottima performance per FinecoBank (+6,03% a 12,475 euro), in controtendenza rispetto all'andamento del FTSEMib. Nel mese di giugno 2023 la compagnia ha registrato una raccolta netta totale pari a 764,6 milioni di euro, in contrazione rispetto agli 851,4 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. In aumento la componente gestita, pari a 458,5 milioni di euro, mentre la raccolta amministrata è diminuita a 764,8 milioni di euro. A fine giugno 2023 il patrimonio totale di FinecoBank era pari a 115,88 miliardi di euro, in aumento del 13% rispetto ai 102,8 miliardi di euro di giugno 2022.

 

In generale calo i titoli del settore bancario.

IntesaSanpaolo ha registrato un ribasso del 2,84% a 2,3405 euro. Male anche Banca MPS (-3,16%) e BancoBPM (-2,85%).

 

Ferrari ha ceduto il 2,81% a 287,5 euro.

 

Spiccano anche le flessioni di Amplifon (-5,61%) e di STM (-5,18%).

 

In altalena Saras, dopo il balzo messo a segno nella seduta precedente. Il titolo della società di raffinazione ha lasciato sul terreno l'1,85% a 1,245 euro.

 

Tra le società a minore capitalizzazione male Pierrel (-6,11% a 2,49 euro). La società ha comunicato i termini e le condizioni finali dell’aumento di capitale a pagamento, per un controvalore massimo complessivo di circa 70 milioni di euro. Le azioni saranno offerte nel rapporto di 5 nuovi titoli ogni azione Pierrel posseduta, al prezzo di sottoscrizione di 1,529 euro. Inoltre, la società ha comunicato i target finanziari per il periodo 2023/2026.

 

All’Euronext Growth Milan spicca il rialzo di expert.ai (+7,46% a 0,951 euro). La società ha comunicato di aver sottoscritto un accordo di investimento con i principali azionisti della società e GUM Group (veicolo di investimento di diritto italiano). In particolare, quest'ultima si è impegnata a sottoscrivere un aumento di capitale riservato pari a 3,84 milioni di euro.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.