NAVIGA IL SITO

Ancora un rialzo per il FTSEMib: rally di IntesaSanpaolo

Non si sono fatte attendere le nuove indicazioni degli analisti sull'istituto dopo la diffusione dei dati di bilancio del 2019. Molto bene anche i petroliferi

di Edoardo Fagnani 5 feb 2020 ore 17:45

Piazza Affari e le principali borse europee hanno terminato la seduta del 5 febbraio con buoni rialzi, replicando le performance registrate nella giornata precedente. Gli operatori hanno segnalato la possibile scoperta di una cura efficace contro il coronavirus. Ottime performance per i titoli del settore bancario, guidati dal rally di IntesaSanpaolo, in attesa del bilancio di UniCredit: Il Sole24Ore ha scritto che a breve potrebbe partire un risiko bancario europeo.

mercato-positivo_2Il FTSEMib ha terminato la seduta del 5 febbraio con un progresso dell’1,64% a 24.237 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 23.746 punti e un massimo di 24.270 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato l’1,55%. Progressi nell’ordine del punto percentuale per il FTSE Italia Mid Cap (+0,98%) e per il FTSE Italia Star (+0,89%). Nella seduta del 5 febbraio il controvalore degli scambi è balzato a 3,14 miliardi di euro, rispetto ai 2,76 miliardi di martedì; sono passate di mano 761.121.019 azioni (714.666.487 nella seduta di martedì). Su 434 titoli trattati, 254 hanno registrato una performance positiva, mentre i ribassi sono stati 150; invariate le restanti 30 azioni.

L’euro si è avvicinato agli 1,1 dollari.

Lo spread Btp-Bund è sceso a 137 punti.

 

Ottime performance per i titoli del settore bancario. Il Sole24Ore ha scritto che a breve potrebbe partire un risiko bancario europeo. Secondo analisti e investment banker sentiti dal quotidiano finanziario ci sarebbero un paio di nomi su tutti: quelli dell'olandese ING e della francese Société Générale.

È proseguito il trend positivo di IntesaSanpaolo (+4,17% a 2,4495 euro). Non si sono fatte attendere le nuove indicazioni degli analisti sull'istituto dopo la diffusione dei dati di bilancio del 2019.  Kepler Cheuvreux ha incrementato da 2,68 euro a 2,75 euro il prezzo obiettivo su IntesaSanpaolo, in seguito al miglioramento delle stime sull’utile per azione e sul dividendo per il biennio 2020/2021; gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni. Indicazione simile da Deutsche Bank e HSBC, che hanno incrementato il prezzo obiettivo su IntesaSanpaolo, portandolo rispettivamente a 3 euro e a 2,8 euro; entrambe le banche d’affari hanno ribadito il giudizio “Buy” (acquistare). Jp Morgan ha ritoccato al rialzo il prezzo obiettivo su IntesaSanpaolo, portandolo da 2,4 euro a 2,5 euro; gli esperti hanno confermato il giudizio “Neutrale”. Promozione completa, invece, da Citigroup: gli esperti hanno aumentato da 2,55 euro a 2,8 euro il target price sulla banca e hanno migliorato da “Neutrale” a “Buy” il giudizio, in seguito all’incremento delle stime sull’utile per azione per il triennio 2020/2022.

Molto bene anche UniCredit (+2% a 12,832 euro), nel giorno in cui si è riunito il consiglio di amministrazione per l’approvazione del bilancio 2019; i dati saranno comunicati il 6 febbraio, prima dell’apertura di Piazza Affari. Il consensus per l’esercizio appena concluso indica un utile netto di 3,25 miliardi di euro, previsione inferiore rispetto alla precedente indicazione di 5,35 miliardi e comprensiva di svalutazioni per oltre 3,38 miliardi di euro; l’utile per azione, quindi, dovrebbe collocarsi a 1,51 euro (minimo di 0,67 euro, massimo di 2,14 euro), rispetto ai 2,3 euro del precedente consensus. La banca aveva terminato il 2018 con un utile netto rettificato di 3,9 miliardi di euro.

In agenda anche il CdA di BPER Banca (+2,24% a 4,33 euro) per l’esame del bilancio 2019.

 

Rimbalzo di Ferrari (+1,73% a 153,3 euro) dopo la correzione subita nella seduta di martedì. Dopo la diffusione dei dati dell’esercizio 2019 gli analisti di Société Générale hanno limato il prezzo obiettivo sul Cavallino Rampante, portandolo da 200 dollari a 197 dollari (circa 179 euro); tuttavia, gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni, in quanto il nuovo prezzo obiettivo implica un rialzo di oltre 15% rispetto all’attuale quotazione delle azioni Ferrari. Exane ha tagliato da 105 euro a 98 euro il prezzo obiettivo e ha confermato il giudizio “Underperform” (farà peggio del mercato). Al contrario, Mediobanca ed Equita sim hanno incrementato il prezzo obiettivo sul Cavallino Rampante, portandolo rispettivamente a 149 euro e a 145 euro, in seguito alla revisione delle stime per l’esercizio in corso; entrambe le banche d’affari hanno confermato l’indicazione “Neutrale”.

 

In ripresa i titoli del settore petrolifero dopo che il prezzo del greggio a New York è risalito oltre i 51 dollari al barile.

Ottima giornata per Saipem (+4,01% a 3,888 euro).

 

Enel ha guadagnato lo 0,88% a 8,07 euro. Gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno alzato da 7,5 euro a 8,5 euro il target price sul colosso elettrico e hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni.

 

Chiusura positiva per NEXI (+0,51% a 13,318 euro), dopo un avvio di giornata all’insegna delle vendite. Secondo alcune indiscrezioni gli azionisti di SIA sarebbero maggiormente propensi alla quotazione della società a Piazza Affari. Di conseguenza, sfumerebbe l’ipotesi di una fusione con la stessa NEXI, possibilità che aveva sostenuto gli acquisti sul titolo nei giorni scorsi.

 

Al MidCap spicca il balzo di Maire Tecnimont (+9,01% a 2,566 euro, dopo uno stop per eccesso di rialzo). Alcuni operatori collegano il rally del titolo a un progetto da 3,38 miliardi di dollari ottenuto da ChamOne in Malaysia, in cui la società quotata a Piazza Affari è partner.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »