NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib riesce a chiudere con un rialzo

In altalena i bancari. Spiccano le ottime performance messe a segno da Saipem e da Salini Impregilo. Non si è arrestata la corsa di STM, dopo il rally delle ultime sedute

di Edoardo Fagnani 5 apr 2019 ore 17:50

Piazza Affari e le principali borse europee hanno registrato progressi frazionali nell’ultima seduta della settimana. I mercati erano in attesa dei dati sull’occupazione negli Stati Uniti. Il dipartimento del lavoro ha comunicato che nel mese di marzo 2019 i nuovi lavoratori dipendenti non agricoli (i cosiddetti "non farm payroll") hanno registrato un aumento di 196mila unità. Il dato è stato superiore alle attese degli analisti, che si aspettavano un incremento di 172mila unità. In altalena i bancari. Spiccano le ottime performance messe a segno da Saipem e da Salini Impregilo. Non si è arrestata la corsa di STM, dopo il rally registrato nelle ultime sedute.

mercato-azionario_1Il FTSEMib ha guadagnato lo 0,24% a 21.759 punti (minimo di 21.679 punti, massimo di 21.824 punti) e ha terminato la settimana con un rialzo del 2,22%. Chiusura positiva anche per il FTSE Italia All Share (+0,25%). Variazioni simili per il FTSE Italia Mid Cap (+0,3%) e il FTSE Italia Star (+0,25%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 1,95 miliardi di euro, rispetto ai 2,1 miliardi di giovedì; sono passate di mano 634.213.137 azioni (794.792.860 nella seduta di giovedì). Su 410 titoli trattati, 202 hanno registrato una performance positiva, mentre i ribassi sono stati 163; invariate le restanti 45 azioni.

L’euro ha oscillato tra gli 1,12 e gli 1,125 dollari, mentre il bitcoin si è confermato a 5.000 dollari (poco meno di 4.500 euro).

Lo spread tra Btp e Bund è sceso a 248 punti.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

In altalena i bancari. Il Sole24Ore ha provato a immaginare il prossimo risiko che dovrebbe caratterizzare il comparto bancario italiano. Il quotidiano finanziario ipotizza che nei prossimi mesi le principali quattro banche di media dimensione - Monte dei Paschi di Siena (+0,55% a 1,275 euro), UBI Banca (-0,6% a 2,497 euro), BancoBPM (+0,03% a 1,951 euro) e BPER Banca (+0,11% a 3,703 euro) - diventeranno due.

 

Chiusura in forte rialzo per Saipem (+2,87% a 4,974 euro). La società di ingegneristica si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari. Intanto, gli analisti di Morgan Stanley hanno incrementato il prezzo obiettivo su Saipem, portandolo da 6 euro a 7 euro. Indicazione simile da Jp Morgan, che ha aumentato da 4,7 euro a 5,3 euro il prezzo obiettivo. Gli esperti delle due banche d’affari hanno confermato il giudizio “Overweight” (sovrappesare).

 

Altro ribasso per A2A (-1,72% a 1,543 euro), che ha messo a segno la peggiore performance della settimana al FTSEMib: tra il 1° e il 5 aprile il titolo ha lasciato sul terreno il 5,13%.

 

Non si è arrestata la corsa di STM, dopo il rally registrato nelle ultime sedute. Il titolo del gruppo italofrancese ha guadagnato il 2,91% a 15,585 euro, registrando la migliore performance della settimana al FTSEMib: tra il 1° e il 5 aprile STM ha accumulato un rialzo complessivo del 18,3%.

 

Fiat Chrysler Automobiles ha registrato un minimo rialzo dello 0,01% a 13,732 euro. Gli analisti di HSBC hanno limato da 16 euro a 15 euro il prezzo obiettivo sul gruppo automobilistico, ipotizzando alcune incertezze nella prima metà del 2019. Gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

 

Salini Impregilo ha messo a segno un balzo del 9,69% a 2,31 euro. La società ha comunicato di essersi aggiudicata un contratto per la realizzazione dei lavori di ingegneria civile e elettromeccanica di Snowy 2.0. Il controvalore complessivo della commessa è pari a 5,1 miliardi dollari australiani (3,23 miliardi di euro). Nell’ambito dei lavori Salini Impregilo è la capogruppo della joint-venture Future Generation, con una quota maggioritaria combinata del 65%, pari a 3,32 dollari australiani (2,1 miliardi di euro), raggiunta con la controllata statunitense Lane (10%); la quota rimanente del 35% è in capo all’australiana Clough. Con questo progetto il totale di ordini acquisiti (o in via di finalizzazione) del primo trimestre 2019 per Salini Impregilo ammonta a 3,9 miliardi di euro. Inoltre, l’Australia diventa uno dei primi paesi di sviluppo del business per il gruppo, con un backlog che passa dall’1,5% al 7% del valore complessivo.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »