NAVIGA IL SITO

Non si è fermato il rally di Piazza Affari: FTSEMib +3,5%

Andamento decisamente positivo per i titoli del settore bancario. Molto bene anche i petroliferi. Ottima seduta per STM. Chiusura negativa per Telecom Italia TIM

di Edoardo Fagnani 3 giu 2020 ore 17:46

piazza-affari-verdeI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno chiuso la giornata con rialzi superiori al 3%, confermando il trend registrato nelle ultime sedute. Gli operatori sono in attesa della riunione della BCE del 4 giugno 2020, che non dovrebbe portare novità rilevanti alla politica monetaria, dopo decisioni prese nei precedenti meeting. Il focus degli operatori, quindi, sarà sulle stime dello staff della BCE relative al Pil e all’inflazione per il triennio 2020/2022. Pierre Veyret – analista tecnico di ActivTrades – ha segnalato che il rally scatenato dai trader che per primi hanno scommesso su una rapida ripresa sta prendendo ulteriore slancio, in quanto sempre più investitori stanno cercando di non perdere il treno. “Questo ‘effetto di massa’ sta offrendo un forte supporto al rally in corso”, ha sottolineato l’esperto, nonostante la maggior parte dei mercati azionari sia ora vicino a grandi resistenze. Inoltre, secondo Pierre Veyret, è probabile che il mercato abbia già dato per scontato il nuovo piano di stimolo da 500 miliardi di euro della BCE, così come le aspettative di un miglioramento di dati sul lavoro negli Stati Uniti di venerdì.

Il FTSEMib ha registrato un progresso del 3,54% a 19.642 punti, il massimo di giornata (minimo di 19.171 punti). Il FTSE Italia All Share ha guadagnato il 3,26%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+1,12%) e per il FTSE Italia Star (+0,7%). Nella seduta del 3 giugno 2020 il controvalore degli scambi è balzato a 3,5 miliardi di euro, rispetto ai 2,71 miliardi di martedì; sono passate di mano 1.210.653.830 azioni (800.720.292 nella seduta di martedì). Su 438 titoli trattati, 294 hanno registrato una performance positiva, mentre i segni meno sono stati 123; invariate le restanti 21 azioni.

L’euro si è confermato oltre gli 1,12 dollari, mentre il bitcoin si è attestato poco sopra i 9.500 dollari (circa 8.500 euro).

Lo spread Btp-Bund ha terminato la giornata a 196 punti.

 

Andamento decisamente positivo per i titoli del settore bancario.

In evidenza IntesaSanpaolo (+2,97%), UBI Banca (+3,99%) e UniCredit (+5,16%).

Performance migliore per Mediobanca (+5,43%).

 

Molto bene anche i titoli del settore petrolifero, dopo che il prezzo del greggio a New York (contratto con scadenza a luglio 2020) è balzato a 37 dollari al barile. Carlo Alberto De Casa – capo analista di ActivTrades – ritiene che al momento l’intero scenario resti favorevole al petrolio. “Tuttavia, ci aspettiamo che la volatilità torni non appena l'economia inizierà a mostrare segnali di debolezza”, ha avvisato l’esperto.

ENI ha registrato un progresso del 2,6% a 8,999 euro.

Performance migliore per Saipem (+3,59%). Dalle comunicazioni diffuse il 3 giugno 2020 dalla Consob si apprende che dal 28 maggio Norges Bank è accreditata di una quota dell'1,049% capitale della società.

 

Ottima seduta per STM (+8,31%). Il titolo del gruppo italofrancese ha beneficiato delle indicazioni fornite da Microchip Technology: il gruppo statunitense ha incrementato le stime sul fatturato e sull’utile per azione per il primo trimestre dell’esercizio 2020/2021.

 

Leonardo (+8,49%) ha registrato la migliore perfomance di giornata al FTSEMib.

 

Chiusura negativa per Telecom Italia TIM (-0,99%). Gli operatori collegano le vendite sul titolo della compagni telefonica all’ipotesi di un ingresso di Iliad nel segmento della telefonia fissa, attraverso un accordo con Open Fiber. Gli esperti segnalano che questa possibilità potrebbe mettere ulteriormente sotto pressione la marginalità in un segmento in cui la presenza di Telecom Italia TIM è forte.

 

Male anche DiaSorin (-3,02%), nonostante la società di diagnostica abbia ricevuto l'approvazione per la commercializzazione del test LIAISON SARS-CoV-2 S1/S2 IgG in Brasile da ANVISA, l'agenzia di regolamentazione sanitaria brasiliana.

 

Buon rialzo per Cattolica Assicurazioni (+3,62% a 3,55 euro). Gli analisti di Mediobanca hanno peggiorato il giudizio sulla compagnia assicurativa, portandolo da “Neutrale” ad “Underperform” (farà peggio del mercato); gli esperti hanno fissato un target price di 2,5 euro.

 

Seduta positiva e caratterizzata da forte volatilità per Trevi Group (+14,7%). Borsa Italiana ha comunicato che dal 3 giugno 2020 e fino a successivo provvedimento sulle azioni ordinarie della società non sarà consentita l'immissione di ordini senza limite di prezzo (ordini al meglio). Il titolo è rimasto sospeso dalle contrattazioni per eccesso di rialzo per gran parte della seduta del 2 giugno.

 

ePrice ha registrato una flessione dell'1,1%, dopo uno stop per eccesso di ribasso. La società ha fornito alcune indicazioni finanziarie relative all’esercizio 2019 e al primo trimestre del 2020. ePrice ha terminato lo scorso anno con ricavi in calo a 130,98 milioni di euro, mentre il risultato finale è stato negativo per 42,6 milioni di euro. Nei primi tre mesi dell’anno il giro d’affari dell’azienda è sceso del 30% a 24,85 milioni di euro, rispetto ai 35,5 milioni ottenuti nel primo trimestre del 2019; il risultato finale è stato negativo per 6,13 milioni di euro. A fine marzo 2020 l’indebitamento netto era pari a 8,22 milioni di euro. Inoltre, ePrice ha ritenuto opportuno procedere all’aggiornamento del piano industriale 2020-2024: la società stima un EBITDA e un risultato netto ancora negativi per l’esercizio 2020, mentre il punto di pareggio, in termini di EBITDA, potrà essere conseguito nell'esercizio 2021. Infine, ePrice ha segnalato un incremento delle visite al sito e delle vendite MarketPlace rispetto ai dati previsionali a partire dal mese di marzo 2020, mentre i ricavi delle vendite dirette non hanno potuto beneficiare del trend favorevole a causa della limitata disponibilità di risorse finanziarie; questo trend è stato confermato dai risultati conseguiti nel mese di aprile in termini acquirenti e numero di ordini.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »