NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib rimbalza dell'1%

Seduta brillante per NEXI, in seguito a un’operazione straordinaria nel settore dei servizi per pagamenti. Qualche spunto interessante tra i titoli del settore bancario

di Edoardo Fagnani 3 feb 2020 ore 17:49

Avvio di settimana positivo per Piazza Affari e per le principali borse europee, dopo la pesante correzione subita la scorsa ottava. Gli operatori si aspettavano una reazione dei mercati alla Brexit (in vigore dalla mezzanotte del 1° febbraio) e al forte ribasso subito dalla borsa cinese, che ha ripreso le contrattazioni dopo la lunga pausa dovuta al capodanno cinese. Seduta brillante per NEXI, in seguito a un’operazione straordinaria nel settore dei servizi per pagamenti. Qualche spunto interessante tra i titoli del settore bancario.

mercato-andamentoIl FTSEMib ha messo a segno un progresso dello 0,96% a 23.460 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 23.219 punti e un massimo di 23.466 punti. Il FTSE Italia All Share ha recuperato lo 0,89%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,4%) e per il FTSE Italia Star (+0,71%). Nella seduta del 3 febbraio il controvalore degli scambi è sceso a 2,07 miliardi di euro, rispetto ai 3,36 miliardi di venerdì; sono passate di mano 547.095.142 azioni (888.118.807 nella seduta di venerdì). Su 432 titoli trattati, 210 hanno registrato una performance positiva, mentre i ribassi sono stati 183; invariate le restanti 39 azioni.

L’euro si è riportato in zona 1,105 dollari, mentre il bitcoin è rimasto sotto i 9.500 dollari (circa 8.500 euro).

Lo spread Btp-Bund è salito a 143 punti.

 

Seduta brillante per NEXI (+4,92% a 13,432 euro). Gli operatori hanno collegato il rialzo del titolo con un’operazione straordinaria nel settore dei servizi per pagamenti: gruppo francese Worldline ha annunciato l’acquisizione di Ingenico, sulla base di una valutazione di 7,8 miliardi di euro. Con questa operazione nascerà il quarto gruppo mondiale nel comparto, con ricavi proforma per circa 5,3 miliardi di euro, sulla base dei dati relativi al 2019.

 

Qualche spunto interessante tra i titoli del settore bancario, nella settimana in cui saranno diffusi i primi bilanci del 2019 dei principali istituti italiani.

IntesaSanpaolo (+1,76% a 2,285 euro) darà il via alla stagione: il 4 febbraio è in agenda il CdA dell’istituto guidato da Carlo Messina, che fornirà anche indicazioni sul dividendo 2020 (relativo all’esercizio 2019).

Chiusura di poco positiva per UBI Banca (+0,07% a 2,708 euro). Secondo le indicazioni di nove banche d’affari l’istituto guidato da Victor Massiah dovrebbe aver chiuso gli ultimi tre mesi dello scorso anno con un utile netto di 24 milioni di euro. Di conseguenza, l’utile netto per azione è stimato a 0,021 euro. Il consensus degli analisti indica nel periodo in esame in margine di interesse di 420 milioni di euro e proventi operativi per 908 milioni. Le banche d’affari stimano in media rettifiche su crediti per 200 milioni di euro.

 

Spicca anche il forte rialzo di Prysmian (+3,98% a 20,88 euro). La società ha annunciato il lancio della gamma di minicavi Sirocco High Density che fornisce diametri e densità di fibra da record per i minicavi soffiati.

 

Enel è tornata a salire (+1,41% a 7,966 euro). Gli analisti di Deutsche Bank hanno alzato da 7,8 euro a 8,3 euro il target price sul colosso elettrico, ipotizzando un incremento della redditività superiore al 10% nel 2019 (Enel diffonderà i dati preliminari del 2019 giovedì 6 febbraio). Gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni. Indicazione simile da Barclays, che ha incrementato da 6,2 euro a 8 euro il prezzo obiettivo su Enel; tuttavia, gli esperti hanno confermato il giudizio “Equalweight” (neutrale).

 

Segno meno per Leonardo (-0,36% a 11,14 euro). Gli analisti di Banca IMI hanno alzato da 12,8 euro a 14 euro il target price sulla società aerospaziale, dopo le prime indicazioni sui risultati operativi e finanziari del 2019. Gli esperti hanno anche migliorato il giudizio e ora consigliano l’acquisto delle azioni, in quanto il nuovi prezzo obiettivo implica un rialzo di oltre il 25% rispetto all’attuale quotazione di Leonardo.

 

Buona giornata per Amplifon (+1,56% a 26,08 euro). Milano Finanza ha fornito alcune stime finanziarie per il 2020. Nell’esercizio in corso l'azienda guidata dall'amministratore delegato e direttore generale Enrico Vita stime un target di fatturato compreso tra gli 1,8 e gli 1,86 miliardi di euro. Previsto in decisa crescita anche il margine operativo lordo, che dovrebbe salire “dai 241,3 milioni del 2018 ai 330-345 milioni attesi per la fine di questo esercizio”.

 

È proseguito il rally di Ascopiave (+2,38% 4,525 euro), dopo l’ottima performance messa a segno nella seduta di venerdì 31 gennaio. Il consiglio di amministrazione della società, nell’ottica di rafforzare la partnership con Hera (+0,24% a 4,112 euro), ha deliberato di procedere all’acquisto di azioni della società quotata al FTSEMib per un ammontare pari ad indicativamente lo 0,4% del capitale.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Cosa sono (e quali sono) le categorie catastali

Cosa sono (e quali sono) le categorie catastali

Le categorie catastali sono una classificazione degli immobili urbani che indica la destinazione d'uso degli immobili stessi. Ecco cosa e quali sono. E a cosa servono Continua »