NAVIGA IL SITO

Indici in rosso a Piazza Affari. Il FTSEMib ha perso lo 0,9%

Male i bancari: forti vendite su BPER Banca e BancoBPM. Chiusura negativa anche per Telecom Italia TIM dopo la diffusione dei risultati semestrali.

di Edoardo Fagnani 3 ago 2023 ore 18:07

charts-analisi-tecnicaI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie hanno chiuso la seduta in territorio negativo, ma con ribassi inferiori al punto percentuale.

Il FTSEMib ha subito una flessione dello 0,94% a 28.703 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 28.470 punti e un massimo di 28.830 punti. Il FTSE Italia All Share ha perso lo 0,89%. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-0,45%) e per il FTSE Italia Star (-0,48%). Nella seduta del 3 agosto 2023 il controvalore degli scambi è salito a 2,56 miliardi di euro, rispetto ai 2,5 miliardi di mercoledì.

Il bitcoin si è attestato poco sopra i 29.000 dollari (poco più di 26.500 euro).

Lo spread Btp-Bund si è ristretto sotto i 170 punti, con il rendimento del Btp decennale che è tornato oltre il 4,25%.

L’euro si è riportato a 1,095 dollari.

 

Vendite sui titoli del settore bancario.

BPER Banca ha chiuso in ribasso del 4,09% a 2,883 euro. L'istituto ha comunicato i risultati finanziari del 1° semestre 2023 e ha fornito anche la guidance puntuale per l’intero esercizio. BPER Banca punta a chiudere l’esercizio con un margine di interesse nell’ordine dei 2,8 miliardi di euro e un utile netto di circa 1,1 miliardi. A fine 2023 il Common Equity Tier 1 è previsto al 14%.

Il BancoBPM ha perso il 2,3% a 4,327 euro. L'istituto guidato da Giuseppe Castagna ha comunicato i risultati finanziari del 1° semestre del 2023 e ha aggiornato le stime per l’intero esercizio. Inoltre, il management ha anticipato che il Piano Strategico sarà oggetto di revisione nel quarto trimestre 2023. In quell’occasione il BancoBPM procederà ad aggiornare i target di remunerazione degli azionisti che potranno riflettere i risultati raggiunti in termini di redditività e di creazione organica di capitale.

 

Telecom Italia TIM tra i peggiori di giornata (-3,92% a 0,2546 euro). La compagnia telefonica ha diffuso i dati finanziari del 1° semestre e del 2° trimestre del 2023. Telecom Italia TIM ha chiuso il periodo aprile-giugno con ricavi ed EBITDA migliori del consensus. Il semestre si è chiuso in perdita. In aumento l’indebitamento. I vertici di Telecom Italia TIM hanno confermato le stime finanziarie per il 2023.

 

Giornata decisamente negativa per Tenaris (-2,07% a 14,635 euro). La società ha diffuso i risultati finanziari del 1° semestre e del 2° trimestre 2023. I numeri della prima metà dell’anno hanno evidenziato un forte miglioramento del fatturato e della redditività. Il management di Tenaris ha fornito anche alcune indicazioni finanziarie per la seconda metà dell’anno.

 

Iveco Group ha confermato il trend positivo (+1,93%), dopo il forte rialzo messo a segno nella seduta precedente.

Male STM (-2,86%) e Terna (-3,16%).

 

Al MidCap spicca l’ottima performance di Buzzi (+7,61% a 28 euro), dopo la diffusione dei risultati semestrali. I vertici della società prevedono che l'anno in corso possa concludersi con risultati migliori rispetto a quelli raggiunti nel 2022, grazie alla spinta rialzista dei prezzi di vendita e a un andamento dei costi di produzione più favorevole. Il management prevede di chiudere l'esercizio con un margine operativo lordo ricorrente tra gli 1,1 miliardi e gli 1,2 miliardi di euro.

Molto bene anche Tinexta (+6,14%). In forte calo, invece, Datalogic (-12,5%) e WIIT (-8,21%).

 

All’Euronext Growth Milan iVision Tech è balzata del 50% a 1,725 euro, nel giorno del debutto nel listino dedicato alle PMI dinamiche e competitive. Le azioni della società erano state collocate a 1,15 euro, per una capitalizzazione iniziale pari a circa 8 milioni di euro.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.