NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib ringrazia le banche e chiude in positivo

I principali indici di Borsa Italiana hanno registrato rialzi frazionali, dopo che l’agenzia S&P Global ha confermato a “BBB” il rating sul debito sovrano dell’Italia

di Edoardo Fagnani 29 apr 2019 ore 17:48

Piazza Affari e le borse europee hanno chiuso un territorio positivo una seduta caratterizzata da diversi alti e bassi, dopo che il dato sulla fiducia economica in Europa ad aprile è risultato in calo e inferiore alle attese degli analisti. Anche i principali indici di Borsa Italiana hanno registrato rialzi frazionali, dopo che l’agenzia S&P Global ha confermato a “BBB” il rating sul debito sovrano dell’Italia, ribadendo l’outlook negativo. Positiva la reazione dei titoli di stato italiani: lo spread tra Btp e Bund è sceso sotto i 260 punti.

mercato-saleIl FTSEMib ha registrato un progresso dello 0,23% a 21.789 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 21.652 punti e un massimo di 21.844 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,25%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,4%) e per il FTSE Italia Star (+0,43%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 1,82 miliardi di euro, rispetto agli 1,86 miliardi di venerdì; sono passate di mano 463.768.453 azioni (458.763.235 nella seduta di venerdì). Su 402 titoli trattati, 194 hanno registrato una performance positiva, mentre i segni meno sono stati 164; invariate le restanti 44 azioni.

L’euro si è confermato oltre gli 1,115 dollari.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

Seduta brillante per i bancari. Milano Finanza ha descritto tutti i vari possibili scenari per il comparto italiano. Secondo il settimanale finanziario tutto ruota intorno a UniCredit (+2,4% a 12,362 euro): se l’istituto di Jean Pierre Mustier arriverà a Commerzbank potrebbe avviarsi nel nostro paese una spinta al consolidamento tra gli altri istituti.

Performance migliore per il BancoBPM (+3,6% a 2,13 euro).

IntesaSanpaolo ha registrato un progresso del 2,06% a 2,332 euro. L’Economia, l’inserto economico del Corriere della Sera ha fatto il punto della situazione sull’istituto alla vigilia dell’assemblea dei soci dell’istituto. L’assise, oltre che approvare il bilancio 2018, dovrà nominare il consiglio di amministrazione.

 

Al segmento STAR spicca il calo di Reno de Medici (-3,57% a 0,702 euro). La società ha comunicato i risultati del primo trimestre del 2019, periodo chiuso con ricavi per 183,71 milioni di euro, in aumento del 16,5% rispetto ai 157,63 milioni ottenuti nei primi tre mesi dello scorso anno; il fatturato del gruppo ha beneficiato del consolidamento di Barcelona Cartonboard. Lo scorso trimestre si è chiuso con un utile netto (esclusa la quota di terzi) di 7,95 milioni euro, risultato che si confronta i 12,83 milioni contabilizzati nei primi tre mesi del 2018.

 

Bialetti ha registrato un balzo dell’11% a 0,354 euro dopo alcune sospensioni per eccesso di rialzo in mattinata. Lo scorso venerdì la società ha comunicato che il Tribunale di Brescia ha omologato gli accordi di ristrutturazione del debito.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si ritirano le vincite al Superenalotto

Come si ritirano le vincite al Superenalotto

Come possono essere ritirare le vincite al Superenalotto? I premi Possono essere riscossi presentando la ricevuta originale e integra della schedina vincente giocata Continua »