NAVIGA IL SITO

Piazza Affari promuove il Conte Bis: FTSEMib +2%

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha assegnato a Giuseppe Conte l’incarico per formare un nuovo governo. In forte rialzo i bancari: spicca il balzo di Banca MPS

di Edoardo Fagnani 29 ago 2019 ore 17:48

I maggiori indici di Borsa Italiana hanno terminato la seduta del 29 agosto poco sotto ai massimi di giornata, registrando rialzi nell’ordine del 2%. Performance positive anche per le principali piazze finanziarie europee. Sempre in primo piano la crisi di governo italiana: al termine del secondo giro di consultazioni il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha assegnato a Giuseppe Conte l’incarico per formare un nuovo governo, questa volta appoggiato da M5S e PD. Secondo Matteo Ramenghi, Chief Investment Officer UBS WM Italy, gli investitori dovrebbero apprezzare la formazione di uno governo con il supporto di M5S e PD, in un momento i cui i titoli di stato italiani continuano a garantire rendimenti superiori a quelli delle zone periferiche (Spagna e Portogallo, in particolare). Al contrario, secondo l'esperto, un fallimento del Conte Bis e un conseguente ritorno a elezioni anticipate potrebbe riportare pressione sui titoli di stato italiani e sulle azioni quotate a Piazza Affari. Ottima giornata anche per l’obbligazionario italiano: lo spread tra Btp e Bund è sceso sotto i 170 punti. Inoltre, oggi è terminata la tre giorni di aste di titoli di stato italiani; in mattinata il Tesoro ha collocato due Btp, con scadenza rispettivamente a 5 e 10 anni: il rendimento del titolo decennale è stato fissato allo 0,96%.

mercato-positivo_2Il FTSEMib ha messo a segno rialzo dell’1,94% a 21.398 punti (minimo di 20.973 punti, massimo di 21.441 punti), superando di slancio quota 21mila, dove era stato respinto più volte nelle precedenti sedute. Con una situazione politica più chiara l’indice potrebbe puntare ad alcune importanti resistenze poste a 22.000-22.200 punti, più volte testate nel mese di luglio. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato l’1,85%. Chiusura positiva anche per il FTSE Italia Mid Cap (+1,2%) e per il FTSE Italia Star (+0,99%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è salito a 2,51 miliardi di euro, rispetto agli 1,76 miliardi di mercoledì; sono passate di mano 858.241.257 azioni (622.224.465 nella seduta di mercoledì). Su 412 titoli trattati, 266 hanno registrato una performance positiva, mentre i segni meno sono stati 114; invariate le restanti 32 azioni.

L’euro è rimasto sotto gli 1,11 dollari, mentre il bitcoin è sceso a 9.500 dollari (circa 8.500 euro).

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

In forte rialzo i bancari, i maggiori beneficiari del nuovo incarico di governo a Giuseppe Conte e del calo dello spread Btp-Bund. Secondo Filippo Alloatti, Senior Credit Analystdi Hermes Investment Management, l’agenda del nuovo governo potrebbe aiutare gli istituti italiani nello sforzo di ristrutturazione intrapreso con successo da qualche anno (nello specifico ulteriore riduzione dei crediti inesigibili e maggior attenzione agli UTP, agire sulla leva dei costi e cercare di spingere le commissioni).

UniCredit tra i migliori del comparto (+2,89% a 10,176 euro). Il Corriere della Sera ha riportato le indiscrezioni diffuse dall’agenzia Bloomberg, secondo cui l’istituto guidato da Jean-Pierre Mustier sarebbe intenzionato a sciogliere la joint-venture con il gruppo finanziario Koc che controlla l’82% della banca turca Yapi Kredi. In questo modo UniCredit si troverebbe a controllare direttamente il 41% dell’istituto e potrebbe decidere la cessione (totale o solo di una parte) della quota.

Progresso superiore al 10% per il Monte dei Paschi di Siena, che ha guadagnato il 13,1% a 1,524 euro, dopo uno stop per eccesso di rialzo in mattinata.

 

Prysmian ha registrato una delle migliori performance di giornata al FTSEMib. Il titolo è salito del 4,61% a 19,875 euro. Gli analisti di Goldman Sachs hanno alzato il prezzo obiettivo sulla società, portandolo da 17,5 euro a 22,5 euro; gli esperti hanno anche migliorato il giudizio e ora consigliano l’acquisto delle azioni.

 

Spicca anche il progresso di CNH Industrial (+5,18% a 8,9 euro), nonostante Equita Sim abbia tagliato la valutazione sulla società. Gli esperti hanno sforbiciato da 13,1 euro a 12 euro il prezzo obiettivo su CNH Industrial, in seguito alla riduzione delle stime per il biennio 2020/2021, come conseguenza a uno scenario di settore più complesso. Tuttavia, gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni, in quanto il nuovo target price implica un potenziale rialzo di oltre il 30% rispetto all’attuazione quotazione delle azioni.

 

Chiusura negativa, invece, per Pirelli (-2,19% a 4,685 euro). Gli analisti di Citigroup hanno iniziato la copertura sulla società con un giudizio “Sell” (vendere), ipotizzando un rallentamento della domanda nel settore degli pneumatici nel 2020, scenario che potrebbe penalizzare la redditività dell’azienda quotata al FTSEMib.

 

Brunello Cucinelli ha terminato la giornata con una flessione dell’1,8% a 28,42 euro, dopo aver toccato un massimo intraday a 30,68 euro nei primi minuti della seduta. Il gruppo del cachemire ha comunicato i risultati del primo semestre del 2019, chiuso con ricavi in aumento dell’8,1% e un utile netto normalizzato, al netto dei benefici fiscali del patent box, pari a 22,8 milioni di euro, rispetto ai 23,8 milioni di euro del 30 giugno 2018. Sulle prospettive per la restante parte del 2019, i vertici di Brunello Cucinelli hanno dichiarato che è possibile immaginare per la parte finale dell'anno un periodo "particolarmente positivo con un incremento del fatturato in linea con le attese di lungo periodo" e "un incremento più che proporzionale della marginalità EBITDA". Dopo la diffusione dei risultati semestrali alcune banche d’affari hanno limato la stima sull’utile per azione per l’esercizio in corso, segnalando una politica fiscale peggiore delle stime.

 

Chiusura positiva per Fincantieri (+3,12% a 0,926 euro). Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore la società dovrebbe presentare un’offerta per la costruzione di venti fregate multiruolo, nell’ambito di una gara indetta dalla marina militare statunitense. L’ammontare complessivo della commessa, che vede in corsa quattro soggetti, è pari a 19 miliardi di dollari. Il vincitore sarà deciso entro la metà del 2020.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »