NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib sale dell'1,1% e chiude oltre i 25mila punti

I titoli del settore bancario hanno contribuito alla performance del maggiore indice di Piazza Affari. Spiccano i progressi del BancoBPM e di UniCredit. Bene anche i petroliferi

di Redazione Soldionline 27 mag 2021 ore 17:45

mercato-azionario-crescitaI maggiori indici di Borsa Italiana hanno terminato la seduta con rialzi superiori al punto percentuale, beneficiando degli acquisti sui titoli bancari.

Il FTSEMib ha messo a segno un progresso dell'1,12% a 25.056 punti, poco sotto al massimo intraday a 25.103 punti (minimo di 24.708 punti). Il FTSE Italia All Share ha guadagnato l'1,07%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,94%) e per il FTSE Italia Star (+1,02%). Nella seduta del 27 maggio 2021 il controvalore degli scambi è banlzato a 3,58 miliardi di euro, rispetto ai 2,24 miliardi di mercoledì; sono passate di mano 832.460.370 azioni (623.222.473 nella seduta di mercoledì).

Alle 17.40 il bitcoin era sceso sotto i 40mila dollari (circa 32.500 euro).

Lo spread Btp-Bund si è ristretto a 110 punti.

L’euro si è attestato poco sotto gli 1,22 dollari.

 

I titoli del settore bancario sono rimasti sotto i riflettori e hanno contribuito alla performance positiva del FTSEMib.

La Popolare di Sondrio, oggetto delle recenti attenzioni di UnipolSai (-0,25%) e quindi - più indirettamente - di BPER Banca, è salita del 3,11%.

In forte rialzo UniCredit (+2,07% a 10,354 euro). L’istituto ha emesso titoli Senior Preferred callable con scadenza a 6 anni richiamabili dopo 5 anni per un ammontare di un miliardo di dollari e Senior Preferred callable con scadenza a 10 anni richiamabili dopo 11 anni per un altro miliardo di dollari. Di conseguenza, l'importo complessivo dei due titoli, destinati ad investitori istituzionali, è stato di 2 miliardi di dollari. I titoli contribuiscono a garantire liquidità alla curva di credito in dollari.

Sulla stessa linea IntesaSanpaolo (+2,05%) e BancoBPM (+2,58%).

 

In rialzo anche i titoli del settore petrolifero, dopo che a New York il prezzo del greggio (future con scadenza a luglio 2021) è balzato oltre i 66 dollari al barile.

ENI ha guadagnato lo 0,7% a 10,1 euro.

Performance migliori per Saipem (+1,68% a 2,059 euro) e Tenaris (+2,8% a 9,456 euro).

 

Stellantis in forte rialzo (+4,09% a 16,078 euro). Secondo quanto riporta la stampa il gruppo nato dall'integrazione da FCA e PSA Group avrebbe ottenuto l'approvazione del documento di quotazione alla borsa di Parigi della controllata (al 70%) Aramis, che si occupa della vendita di auto usate online. Dall'operazione la società potrebbe raccogliere fino a 250 milioni di euro.

Molto bene anche CNH Industrial (+5,03% a 14,2 euro).

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.