NAVIGA IL SITO

Che rialzo per Piazza Affari (grazie al Pil USA)!

Giornata spumeggiante per i bancari, dove spicca l’ottima performance messa a segno dal Monte dei Paschi di Siena. Molto bene anche Saipem e Mediaset. Male la Lazio

di Edoardo Fagnani 27 ago 2015 ore 17:44

Piazza Affari e le principali borse europee in forte rialzo nella seduta odierna. Gli indici hanno registrato un’accelerazione dopo la diffusione del dato sul Pil statunitense nel secondo trimestre 2015, risultato migliore delle attese. Secondo Koen Maes, Global Head of Asset Allocation Strategy and Funds di Candriam Investors Group, il recente crollo dei mercati dovrebbe essere interpretato come una correzione piuttosto che una crisi, in quanto le politiche di "tentativi ed errori" della Cina non stanno mettendo a rischio il riequilibrio del mercato domestico orientato ad una domanda guidata dai consumi interni. Di conseguenza, gli esperti mantengono la preferenza per gli asset rischiosi, in particolare i titoli azionari della zona Euro. Nicolas Chaput, CEO e Co-CIO Oddo AM e Laurent Denize, co-CIO Oddo AM segnalano che il contesto macroeconomico è certamente peggiorato ma i mercati sono intervenuti con un deciso “riprezzamento” del differenziale di crescita, dopo la recente flessione. Secondo i due strategist “bisogna privilegiare le azioni europee domestiche che beneficiano di un contesto mondiale alquanto favorevole, a scapito di quelle dei mercati emergenti o anche degli Stati Uniti, troppo care per lo scenario attuale”. Intanto, è proseguita la tre giorni di aste di titoli di stato italiani. In mattinata il Tesoro ha collocato un BOT semestrale per un ammontare di 6,75 miliardi di euro: il rendimento è rimasto fermo allo 0,007%. Giornata spumeggiante per i bancari, dove spicca l’ottima performance messa a segno dal Monte dei Paschi di Siena. Molto bene anche Saipem e Mediaset. Male la Lazio, dopo l’eliminazione dalla Champions League.
Il FTSEMib ha guadagnato il 3,39% a 22.201 punti, mentre il FTSE Italia All Share è salito del 3,21% a 23.845 punti. In progresso di oltre due punti percentuali il FTSE Italia Mid Cap (+2,09%) e il FTSE Italia Star (+2,18%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è salito a 3,58 miliardi di euro, rispetto ai 3,46 miliardi di ieri. Su 324 titoli trattati, 279 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre i segni meno sono stati 34. Invariate le restanti undici azioni.
L’euro è sceso a 1,12 dollari, in attesa delle indicazioni provenienti dal summit economico di Jackson Hole. L’oro si è confermato a 1.120 dollari.

CONSULTA le quotazioni dei titoli del FTSE MIB

mercato9Ottima giornata per i bancari.
Molto bene il Monte dei Paschi di Siena. Il titolo dell’istituto toscano ha registrato un progresso del 6,47% a 1,877 euro.
In forte rialzo anche IntesaSanpaolo (+2,48% a 3,31 euro) e Unicredit (+1,9% a 5,9 euro).

Saipem ha registrato un balzo del 5,51% a 8,045 euro. La società ha ricevuto notifica di aggiudicazione da parte della compagnia petrolifera nazionale Kuwait National Petroleum Corporation per il Package 4 e il Package 5 della nuova raffineria di Al-Zour, La quota delle commesse di pertinenza della società italiana è pari a circa 1,3 miliardi di dollari.
Performance migliore per Tenaris (+9,05% a 11,33 euro).
Hera ha recuperato il 2,24% a 2,278 euro. Dopo la diffusione dei risultati semestrali gli analisti di Fidentiis hanno peggiorato il giudizio sulla società, portandolo da “Buy” (acquistare) a “Hold” (mantenere). Equita sim, invece, ha alzato a 2,6 euro il prezzo obiettivo su Hera , in seguito al miglioramento delle stime sulla redditività per i prossimi trimestri. Gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

Generali è salita del 2,4% a 16,64 euro. L’agenzia di rating Fitch ha comunicato di aver rivisto al rialzo da “BBB+” ad “A-” il rating delle obbligazioni senior della compagnia assicurativa; da “BBB” a “BBB+” il rating dell’obbligazione subordinata €1 mld 4,125% e da “BBB-” a “BBB” il rating di tutte le altre obbligazioni subordinate. Fitch ha spiegato che il rating rispecchia il rafforzamento patrimoniale di Generali, la prospettiva che la performance operativa continui ad essere solida e che l’azione del management prosegua nel preservare il capitale e ridurre la leva finanziaria.
UnipolSAI ha messo a segno un progresso del 3,17% a 2,084 euro. Gli analisti di Banca Akros hanno ripreso la copertura sulla compagnia assicurativa con un prezzo obiettivo di 2,45 euro e l’indicazione di accumulare le azioni in portafoglio.

Mediaset ha guadagnato il 5,1% a 4,326 euro. Gli analisti di Mediobanca hanno tagliato da 5,15 euro a 4,96 euro il prezzo obiettivo sul gruppo del Biscione. Tuttavia, gli esperti hanno migliorato il giudizio, portandolo da “Neutrale” ad “Outperform” (farà meglio del mercato), in seguito al recente ribasso subito dal titolo.
RcsMediagroup ha ceduto il 2,05% a 0,9315 euro, dopo il pesante ribasso subito ieri. Dopo la diffusione dei risultati semestrali gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno tagliato a da 1,4 euro a 1,18 euro il target price sulla società editoriale. Tuttavia, gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

Brunello Cucinelli ha registrato un rialzo del 3,02% a 16,72 euro. Il gruppo del cachemire ha chiuso il primo semestre del 2015 con ricavi netti pari a 200,3 milioni di euro, in salita del 13,9% rispetto ai 175,8 milioni di euro dello stesso periodo dell'anno precedente. A cambi costanti l’incremento sarebbe stata pari al 9,3%. L’utile netto è cresciuto del 2,7% raggiungendo i 15,5 milioni di euro rispetto ai 15,1 milioni di euro dell’utile netto normalizzato al 30 giugno 2014. Dopo la diffusione dei risultati trimestrali gli analisti di Exane hanno alzato le stime sull’utile per azione di Brunello Cucinelli per il biennio 2015/2016, segnalando che la redditività nel primo semestre è stata superiore alle attese. Gli esperti hanno confermato il giudizio “Underperform” (farà peggio del mercato) e il target price di 17 euro. Bank of America, invece, ha migliorato il giudizio sul titolo e ora consiglia di acquistare le azioni.

Giornata decisamente negativa per la Lazio (-8,23% a 0,6185 euro). Il titolo della società biancoceleste ha risentito dell’eliminazione della squadra ai preliminari di Champions League, dopo la sconfitta di ieri per 3 a 0 ad opera del Bayer Leverkusen.

 

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.