NAVIGA IL SITO

Piazza Affari, la settimana parte con un rialzo

Riflettori puntati sui bancari, dopo le indicazioni della BCE sulla distribuzione dei dividendi. Brillano le compagnie attive nel risparmio gestito e i petroliferi

di Edoardo Fagnani 26 lug 2021 ore 17:45

mercato-andamentoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno registrato variazioni frazionali nella prima seduta della settimana.

Il FTSEMib ha messo a segno un progresso dello 0,68% a 25.296 punti, il massimo di giornata (minimo di 24.972 punti). Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,67%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,56%) e per il FTSE Italia Star (+0,31%). Nella seduta del 26 luglio 2021 il controvalore degli scambi è salito a 1,85 miliardi di euro, rispetto agli 1,72 miliardi di venerdì; sono passate di mano 469.694.581 azioni (426.499.641 nella seduta di venerdì).

Alle 17.35 il bitcoin aveva superato i 38.500 dollari (oltre 32.500 euro).

Lo spread Btp-Bund si è attestato sotto i 105 punti.

L’euro è risalito a 1,18 dollari.

 

Riflettori puntati sui titoli del settore bancario. La BCE ha deciso di non estendere oltre settembre 2021 la propria raccomandazione rivolta a tutte le banche di limitare i dividendi. Le autorità di vigilanza riprenderanno invece a valutare i piani patrimoniali e di distribuzione dei dividendi di ciascuna banca nell’ambito del regolare processo prudenziale.

Chiusura positiva per IntesaSanpaolo (+2,3% a 2,3375 euro) e UniCredit (+1,69% a 9,818 euro). Gli analisti di UBS hanno alzato a 2,8 euro il target price sull'istituto guidato da Carlo Messina; gli esperti hanno confermato l'indicazione di acquisto delle azioni.

Più limitato il rialzo del BancoBPM (+0,8% a 2,648 euro).

Il Monte dei Paschi di Siena è rimasta invariata a 1,141 euro. L’istituto senese ha perfezionato due operazioni di cartolarizzazione sintetica riguardanti, rispettivamente, un portafoglio di crediti erogati a corporate/PMI italiane, classificati prevalentemente in Stage 2, e un portafoglio di finanziamenti specializzati erogati da MPS Capital Services Banca per le Imprese per un ammontare complessivo pari a circa 1,4 miliardi di euro.

 

Buone performance per le compagnie attive nel risparmio gestito.

Spicca il rialzo di Banca Mediolanum (+2,48% a 8,424 euro).

 

Molto bene anche i petroliferi.

ENI ha terminato la seduta con un progresso del 2,04% a 9,866 euro.

Performance migliori per Saipem (+3,72% a 2,021 euro) e Tenaris (+2,88% a 8,784 euro).

 

In rialzo Stellantis (+0,85% a 15,886 euro). Il colosso automobilistico ha annunciato di aver firmato una nuova linea di credito revolving sindacata di 12 miliardi di euro con un gruppo di 29 banche.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.