NAVIGA IL SITO

Piazza Affari, solo un frazionale rialzo

FTSEMib oltre i 20mila punti. In generale rialzo i bancari, con la sola eccezione del Monte dei Paschi di Siena. Il rally di Tiscali è proseguito anche oggi

di Edoardo Fagnani 25 nov 2014 ore 17:47

Piazza Affari e le principali borse europee in rialzo nella seduta odierna. Tuttavia, gli indici hanno chiuso lontano dai massimi di giornata, nonostante il dato sul Pil USA del terzo trimestre del 2014 sia risultato migliore delle attese. In generale rialzo i bancari. Gli analisti di Mediobanca hanno confermato il giudizio “Overweight” (sovrappesare) sui titoli italiani del comparto. Il rally di Tiscali è proseguito anche nella seduta odierna.
Il FTSEMib ha messo a segno un progresso dello 0,42% a 20.010 punti, mentre il FTSE Italia All Share è salito dello 0,44% a 21.110 punti. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,59%) e il FTSE Italia Star (+0,41%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 3,08 miliardi di euro, rispetto ai 3,11 miliardi di ieri. Su 326 titoli trattati, 193 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre le performance negative sono state 110. Invariate le restanti 23 azioni.
L’euro ha sfiorato gli 1,25 dollari. L’oro ha oscillato intorno ai 1.200 dollari.

CONSULTA le quotazioni dei titoli del FTSE MIB

milano_borsa3In generale rialzo i bancari. Gli analisti di Mediobanca hanno confermato il giudizio “Overweight” (sovrappesare) sui titoli italiani del comparto.
Ha fatto eccezione solo il Monte dei Paschi di Siena. L’istituto toscano è sceso dello 0,59% a 0,695 euro.
Giornata positiva per IntesaSanpaolo (+1,76% a 2,43 euro) e Unicredit (+0,26% a 5,82 euro).
Performance migliori per la Popolare dell’Emilia Romagna (+2,28% a 5,615 euro) e per UBI Banca (+1,91% a 6,135 euro).

Telefonici sempre sotto i riflettori.
Telecom Italia ha terminato la giornata con un minimo ribasso dello 0,06% a 0,8835 euro. Il numero uno della compagnia telefonica, Marco Patuano, ha precisato che l’azienda non ha bisogno di alcun aumento di capitale, in quanto al momento non sono in corso trattative con il gruppo brasiliano OI.
Anche oggi acquisti su Tiscali (+5,2% a 0,0587 euro), dopo aver terminato la seduta di ieri con un balzo del 31%. Intanto, dalle comunicazioni giornaliere fornite dalla Consob si apprende che Oxford Asset Management ridotto la posizione “short” su Tiscali, portandola dallo 0,79% allo 0,63%.
Retelit ha recuperato lo 0,34% a 0,59 euro. La società ha stipulato l’accordo di investimento con Global Emerging Markets che prevede un aumento di capitale riservato, con l’esclusione del diritto di opzione, per 25 milioni di euro, attraverso l’utilizzo di una Equity Line of Credit.
 
Intonazione negativa per Saipem (-0,31% a 13,04 euro). La società ha comunicato che la controllata ERSAI Caspian Contractor, si è aggiudicata un contratto di Engineering & Construction nella regione del Caspio. La commessa, assegnata in consorzio con Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering, ha un valore di circa un miliardo di dollari.

Prysmian ha guadagnato lo 0,07% a 14,86 euro. Gli analisti di Banca Akros hanno tagliato da 19,5 euro a 17 euro il prezzo obiettivo sulla società, in seguito alla riduzione delle stime finanziarie per i prossimi esercizi. Tuttavia, gli esperti hanno confermato l’indicazione di accumulare le azioni in portafoglio.

Finmeccanica è salita dello 0,13% a 7,545 euro. L’amministratore delegato della società aeronautica, Mauro Moretti, ha precisato che il piano industriale dell’azienda sarò presentato il prossimo 20 gennaio.

Salini Impregilo ha registrato un rialzo del 2,13% a 3,064 euro. La società di costruzioni, con una quota dell’85%, insieme alla società NTF, si è aggiudicata il contratto per la realizzazione delle opere civili relative al principale impianto idroelettrico “Cetin” sul fiume Botan, un affluente del fiume Tigri nella provincia di Siirt, nella parte sud-est della Turchia. Il valore del contratto è di 260 milioni di euro.

Fincantieri ha perso lo 0,34% a 0,7225 euro. Il Sole24Ore ha scritto che la società cantieristica starebbe accelerando sui negoziati per chiudere l'acquisizione di Stx France, società transalpina partecipata per il 66% dai coreani di Stx Europe e per la quota restante del 33,4% dello stato francese attraverso il Fondo Stratégique d'Investissement.

Biancamano ha registrato un balzo dell’11,4% a 0,5515 euro. La società e Kinexia hanno siglato un accordo strategico finalizzato al raggiungimento di importanti sinergie economiche, imprenditoriali e operative nella filiera dei Servizi Sostenibili. L’accordo riguarda sia il mercato italiano che il mercato estero, con particolare riferimento a Nord Africa, Middle East e Far East, incluse le ex Repubbliche Sovietiche.

 

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.