NAVIGA IL SITO

Piazza Affari mista. Minimo rialzo per il FTSEMib

Al FTSEMib spicca la performance positiva di Prysmian. Ancora vendite sulle utilities. In forte ribasso Webuild al MidCap

di Edoardo Fagnani 23 mag 2024 ore 17:39

borsa-positiva_1I maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la giornata con rialzi minimi.

Il FTSEMib ha registrato un progresso dello 0,02% a 34.468 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 34.372 punti e un massimo di 34.647 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,01%. Segno meno, invece, per il FTSE Italia Mid Cap (-0,12%) e per il FTSE Italia Star (-0,21%).

Alle ore 17.30 il bitcoin era tornato oltre i 68.000 dollari (circa 63.000 euro).

Lo spread Btp-Bund si è confermato sotto i 130 punti, con il rendimento del Btp decennale che ha toccato il 3,9%.

L’euro si è riportato sotto gli 1,085 dollari.

 

Spunti importanti tra i titoli del settore bancario.

BFF Bank ha perso l'1,15% a 9,02 euro. L’agenzia Moody’s ha messo sotto osservazione i rating della banca per un possibile peggioramento. L'azione di rating trae origine da quanto comunicato dalla banca quotata al MidCap relativamente alle misure di vigilanza intraprese dalla Banca d’Italia. Di conseguenza, la valutazione relativa degli analisti si concentrerà principalmente sulle implicazioni dei rilievi della Banca d’Italia e sulle misure correttive. BFF Bank ha ricordato che i rilievi della Banca d’Italia non implicano un incremento delle perdite su crediti del portafoglio dell'istituto, avendo invece ad oggetto profili di segnalazione ai fini prudenziali.

Chiusura positiva per UniCredit (+0,54% a 36,145 euro). Gli analisti di Jefferies hanno alzato a 42,7 euro il target price sull'istituto guidato da Andrea Orcel; gli esperti hanno confermato l'indicazione di acquisto delle azioni.

 

Ancora vendite sulle utilities. Enel ha lasciato sul terreno l'1,02% a 6,606 euro. Performance peggiore per Snam (-2,82%).

 

Al FTSEMib spicca il balzo di Prysmian (+3,32% a 59,7 euro). Gli analisti di IntesaSanpaolo hanno alzato a 68 euro il target price sulla società; gli esperti hanno confermato l'indicazione di acquisto delle azioni.

 

MFE-MediaForEurope in altalena al MidCap. Le azioni di categoria B hanno guadagnato lo 0,15% a 3,966 euro. La società ha comunicato i risultati finanziari del 1° trimestre 2024, chiuso con ricavi e redditività in miglioramento. Di conseguenza, il management ha confermato i target finanziari per l’intero esercizio.

In forte ribasso, invece, Webuild (-9,88% a 2,062 euro). Salini ha comunicato di aver collocato obbligazioni secured scambiabili in azioni ordinarie di Webuild, per un importo di circa 225 milioni di euro. Inoltre, la società ha comunicato che la controllata CSC Costruzioni si è aggiuducata un contratto del valore totale di oltre 302 milioni di euro per il Nuovo Stabilimento Industriale Ferroviario (NSIF) in Ticino; la quota della società è del 67%, per un controvalore di circa 202 milioni di euro.

Maire è balzata del 2,83% a 7,825 euro. La società ha comunicato che un consorzio composto dalla controllata Tecnimont (Integrated E&C Solutions) e da Baker Hughes si è aggiudicato una commessa in Algeria. Il valore complessivo del contratto è di circa 2,3 miliardi di dollari, di cui 1,7 miliardi di competenza di Tecnimont.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.