NAVIGA IL SITO

FTSEMib in rialzo dell'1% (e sfiora i 22mila punti)

In generale rialzo i bancari, dopo la forte volatilità delle ultime sedute. UniCredit in progresso del 3%. Segno meno, invece, per BPER Banca. Balzo di STM e FCA

di Edoardo Fagnani 23 lug 2019 ore 17:46

Piazza Affari e le principali borse europee hanno terminato la seduta del 23 luglio con buone performance: Francoforte ha guadagnato oltre l'1,5%. Secondo Pierre Veyret – analista tecnico di ActivTrades - l'appetito degli investitori nei confronti delle azioni è stato recentemente rafforzato dai potenziali sviluppi commerciali, dopo che Washington ha confermato per la prossima settimana il primo incontro faccia a faccia con la Cina dall'ultimo G20 a Osaka. "Tuttavia, la volatilità è destinata a crescere con diverse grandi aziende che pubblicheranno i loro risultati finanziari"; ha precisato l'esperto.

mercato-sale_1Il FTSEMib ha terminato la giornata con un progresso dell’1,01% a 21.955 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 21.796 punti e un massimo di 22.008 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,93%. Chiusura positiva anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,33%) e per il FTSE Italia Star (+0,31%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è salito 1,99 miliardi di euro, rispetto agli 1,55 miliardi di lunedì; sono passate di mano 516.634.661 azioni (438.552.135 nella seduta di lunedì). Su 407 titoli trattati, 232 hanno registrato un rialzo, mentre le performance negative sono state 137; invariate le restanti 38 azioni.

L’euro è sceso a 1,115 dollari, mentre il bitcoin si è indebolito a 10.000 dollari (meno di 9.000 euro).

Lo spread tra Btp e Bund è sceso a 200 punti.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

In generale rialzo i bancari, dopo la forte volatilità delle ultime sedute.

UniCredit ha guadagnato quasi tre punti percentuali (+2,65% a 11,484 euro). Secondo quanto riportato dall'agenzia Bloomberg l'istituto starebbe pensando a un piano di esuberi per 10mila dipendenti. Il taglio sarebbe contemplato nel piano strategico che sarà ufficializzato a dicembre, che si focalizzerebbe anche sui costi operativi, in riduzione di un altro 10%. UniCredit ha preferito non commentare le indiscrezioni. Intanto, gli analisti di HSBC hanno limato da 16,5 euro a 16 euro il target price su UniCredit, in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il triennio 2019/2021; tuttavia, gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni, in quanto il prezzo del titolo resta inferiore di oltre il 40% rispetto al nuovo prezzo obiettivo. Al contrario, Morgan Stanley ha ritoccato al rialzo il prezzo obiettivo sull’istituto, portandolo da 15 euro a 15,5 euro; gli esperti hanno confermato il giudizio “Overweight” (sovrappesare).

Performance positiva anche per IntesaSanpaolo (+1,17 % a 2,035 euro). Gli analisti di HSBC hanno limato da 2,5 euro a 2,42 euro il target price sull’istituto guidato da Carlo Messina, in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il triennio 2019/2021; tuttavia, gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni, in quanto il prezzo del titolo resta inferiore del 20% circa rispetto al nuovo prezzo obiettivo. 

Chiusura negativa, invece, per BPER Banca (-0,53% a 3,74 euro). L’istituto e la Popolare di Sondrio (+0,88% a 1,942 euro) hanno perfezionato l’acquisto delle azioni di Arca Holding poste in vendita nell’ambito del processo competitivo avviato dalle gestioni commissariali di Popolare di Vicenza e Veneto Banca, complessivamente pari al 39,99% del capitale. A seguito di questa operazione, le quote partecipative di BPER Banca e Popolare di Sondrio in Arca Holding si attestano rispettivamente al 57,06% e al 36,83% del capitale. L’acquisizione è avvenuta per un ammontare complessivo di circa 138 milioni di euro. Intanto, gli analisti di HSBC hanno limato da 4,24 euro a 4,16 euro il target price su BPER Banca, in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il triennio 2019/2021. Gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

Sempre HSBC ha incrementato il prezzo obiettivo su BancoBPM (+0,43% a 1,7585 euro) e su UBI Banca (+0,64% a 2,531 euro), portandolo rispettivamente a 2,02 euro e a 2,71 euro; gli esperti hanno confermato il giudizio “Hold” (mantenere) su entrambi gli istituti.

 

Al FTSEMib spicca il forte rialzo messo a segno da STM (+2,07% a 16,99 euro), in scia alle buone performance messe a segno dai titoli del settore tecnologico. Matteo Oddi di Exante ha segnalato che nella sessione odierna le azioni STM hanno raggiunto un nuovo massimo a 10 mesi, con il titolo che scambia in territorio positivo da quattro sedute. "A livello grafico STM ha rotto al rialzo stamane la resistenza posta a quota 16,95 euro, sulla scia dei segnali di forza già mostrati nelle ultime sessioni a partire dal supporto a 15,70", ha evienziato l'esperto.

 

In forte rialzo Fiat Chrysler Automobiles (+3,08% a 12,38 euro), in scia alle performance positive registrate dai titoli automobilistici europei, in particolare Daimler. Il colosso tedesco ha comunicato che il gruppo cinese Beijing Automotive Group ha acquistato il 5% del capitale dell’azienda europea, rafforzando la partnership tra i due gruppi. Agli attuali livelli di prezzo la quota è valutata circa 2,5 miliardi di euro. Daimler ha ricordato che dal 2003 è in atto una collaborazione strategica con BAIC.

 

Rimbalzo di Pirelli, che ha guadagnato l'8,64% a 5,682 euro, dopo alcune sospensioni per eccesso di rialzo. Il titolo si è allineato al progresso dei titoli del comparto, dopo le nuove indicazioni di Continental per il 2019.

 

Ottima giornata anche per Prysmian (+5,85% a 19,9 euro). La società ha ricevuto la lettera di assegnazione da National Grid Viking Link Limited e Energinet per la realizzazione di Viking Link, la prima interconnessione in cavo sottomarino tra il Regno Unito e la Danimarca. Il contratto ha un controvalore vicino ai 700 milioni di euro.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

Scadenze fiscali settembre 2019 per le pesone fisiche

Scadenze fiscali settembre 2019 per le pesone fisiche

Vediamo quali sono le principali scadenze fiscali per il mese di settembre 2019. Tratteremo in particolare quelle che riguardano le persone fisiche. Continua »