NAVIGA IL SITO

FTSEMib in rosso. Male UniCredit; balzo di Telecom

La giornata di Piazza Affari è stata caratterizzata da numerosi cambi di direzione, prima di virare decisamente in rosso nel pomeriggio. Giornata di scadenze tecniche

di Edoardo Fagnani 21 feb 2020 ore 17:50

I maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato l’ultima seduta della settimana con variazioni negative. La giornata di Piazza Affari è stata caratterizzata da numerosi cambi di direzione, prima di virare decisamente in rosso nel pomeriggio. È rimasta alta la volatilità sui titoli del settore bancario. Spicca il balzo di Telecom Italia TIM, in seguito alle voci di un interesse del fondo KKR per la rete della compagnia telefonica italiana. A Piazza Affari è stata giornata di scadenze tecniche: sono arrivati a termine i contratti di opzione sulle azioni e sugli indici datati febbraio 2020: il valore di regolamento del FTSEMib è stato fissato a 25.010 punti.

milano-negativaIl FTSEMib ha subito una flessione dell’1,22% a 24.773 punti (minimo di 24.670 punti, massimo di 25.130 punti) e ha terminato la settimana con un ribasso dello 0,38%. Il FTSE Italia All Share ha perso l’1,24%. Chiusura negativa anche per il FTSE Italia Mid Cap (-1,3%) e per il FTSE Italia Star (-1,05%). Nella seduta del 21 febbraio il controvalore degli scambi è salito a 3,65 miliardi di euro, rispetto ai 3,05 miliardi di giovedì; sono passate di mano 1.005.316.722 azioni (1.039.798.611 nella seduta di giovedì). Su 434 titoli trattati, 346 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 83; invariate le restanti cinque azioni.

L’euro è salito a 1,085 dollari, mentre il bitcoin si è riportato poco sopra i 9.500 dollari (circa 9.000 euro).

Lo spread Btp-Bund si è attestato a 135 punti.

 

È rimasta alta la volatilità sui titoli del settore bancario.

Il Monte dei Paschi di Siena ha registrato un frazionale progresso dello 0,59% a 2,04 euro. L’amministratore delegato dell'istituto senese, Marco Morelli, ha comunicato ai membri del consiglio di amministrazione e ai membri del Comitato di Direzione di aver informato il ministro dell’Economia e delle Finanze della sua indisponibilità a ricandidarsi alla guida della banca.

UBI Banca ha terminato la giornata con un ribasso dello 0,38% a 4,214 euro; nonostante questa flessione il titolo ha registrato la migliore performance della settimana al FTSEMib (+27,4% tra il 17 e il 21 febbraio). A differenza delle indicazioni fornite dal CAR (il patto di consultazione che raggruppa il 18% del capitale della banca) l’Associazione Azionisti UBI Banca ha valutato positivamente i termini dell’ offerta pubblica di scambio promossa da IntesaSanpaolo (-1,12% a 2,5215 euro) sull’istituto. Secondo l’associazione, l’operazione potrà garantire opportunità di sviluppo per tutti i soggetti coinvolti nella vita di UBI Banca, oltre che per la crescita del sistema paese. Intanto, l’agenzia Moody’s ha posto in revisione per possibile upgrade tutti i principali rating a lungo termine sulla solidità patrimoniale di UBI Banca, in conseguenza all’OPS di IntesaSanpaolo. La stessa Moody’s ha confermato rating e outlook sull’istituto guidato da Carlo Messina e su BPER Banca (-2,91% a 4,072 euro); quest'ultima ha registrato la peggiore performance della settimana al FTSEMib (-9,4% tra il 17 e il 21 febbraio).

Pioggia di vendite su UniCredit (-3,89% a 13,184 euro). Gli operatori hanno collegato lo scivolone del titolo alle indiscrezioni riportare dall’agenzia Bloomberg secondo cui il numero uno dell'istituto, Jean Pierre Mustier, sarebbe in uscita dalla banca per approdare alla guida di HSBC Holdings. Da UniCredit non sono arrivati commenti a queste indiscrezioni.

 

Telecom Italia TIM ha terminato la giornata con un balzo del 3,79% a 0,5342 euro. La Repubblica ha scritto che uno dei più grandi fondi infrastrutturali statunitensi, KKR, avrebbe messo sul piatto un’offerta per la rete della compagnia telefonica italiana. Il quotidiano ha precisato che l’oggetto dell'interesse del colosso USA sarebbe "una quota di minoranza della sua rete secondaria, cioè l’infrastruttura in rame e in fibra che dall’armadietto della strada arriva fino a dentro le case degli italiani".

 

Tenaris ha subito uno scivolone del 4,44% a 9,374 euro. Non si sono fatte attendere le indicazioni delle banche d’affari dopo la diffusione dei risultati del 2019. Gli analisti di Jefferies hanno limato da 13 euro a 12 euro il target price sulla società, in seguito alla riduzione delle stime sulla redditività per l’esercizio in corso; tuttavia gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni, in quanto il nuovo prezzo obiettivo implica ancora un rialzo del 25% rispetto all’attuale quotazione del titolo.

 

Enel ha registrato un minimo rialzo (+0,13% a 8,444 euro). Il 20 febbraio gli analisti di HSBC avevano incrementato il target price sul colosso elettrico, portandolo da 7,4 euro a 9,5 euro; gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio, in quanto il nuovo prezzo obiettivo implica un rialzo di oltre il 10% rispetto all’attuale quotazione del titolo.

 

NEXI è salita dell’1,45% a 16,146 euro. Gli analisti di Equita sim hanno alzato da 13,6 euro a 16 euro il target price sulla società, in seguito al miglioramento delle stime sull’utile per azione per i prossimi esercizi; gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

 

STM è scesa dell’1,43% a 28,29 euro. Gli analisti di Equita sim hanno incrementato da 27 euro a 29 euro il prezzo obiettivo sul gruppo italofrancese, in seguito al miglioramento delle stime di crescita dei ricavi per i prossimi esercizi, dopo che la società ha annunciato un accordo di collaborazione con TSMC per accelerare lo sviluppo di tecnologie di processo per il nitruro di gallio (GaN) e la fornitura al mercato di dispositivi GaN discreti e integrati. Gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

 

All’AIM Italia spicca l’ottima performance registrata da Italia Independent Group (+25% a 3,2 euro). La società - attiva nel mercato dell’eyewear, dei prodotti lifestyle attraverso il brand Italia Independent - ha anticipato che a meno di un mese dalla firma dell’accordo globale esclusivo di cinque anni per la creazione di collezioni CR7 eyewear ha registrato un risultato in termine di vendite che sono superiori al milione di euro a valori di mercato.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Fattura elettronica, chi ha l'obbligo di emetterla e come deve adempiervi

La fattura elettronica è il documento fiscale telematico che deve essere emesso per la cessione di un bene o la prestazione di un servizio. Tutto quello da sapere

da

ABCRisparmio

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Dal 2020 possono usufruire dell’assegno mensile di sostentamento, meglio noto come “Bonus Bebè”, tutte le famiglie senza limiti reddituali Continua »