NAVIGA IL SITO

Indici misti Piazza Affari. Il FTSEMib chiude con un minimo rialzo

Prese di beneficio su Telecom Italia TIM, dopo il forte rialzo messo a segno nella seduta precedente. Al contrario, è proseguito il trend positivo di Unipol

di Edoardo Fagnani 20 feb 2024 ore 17:38

trading-grafico_1_1I maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la giornata con variazioni frazionali.

Il FTSEMib ha messo a segno un rialzo dello 0,08% a 31.701 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 31.617 punti e un massimo di 31.775 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,04%. Segno meno, invece, per il FTSE Italia Mid Cap (-0,33%) e per il FTSE Italia Star (-0,56%). Nella seduta del 20 febbraio 2024 il controvalore degli scambi è sceso a 1,84 miliardi di euro, rispetto agli 1,9 miliardi di lunedì.

Alle 17.30 il bitcoin si era portato oltre i 51.500 dollari (poco meno di 48.000 euro).

Lo spread Btp-Bund si è confermato sotto i 150 punti, con il rendimento del Btp decennale che si è avvicinato al 3,85%.

L’euro si è consolidato oltre gli 1,08 dollari.

 

Prese di beneficio su Telecom Italia TIM (-2,38% a 0,2875 euro), dopo il forte rialzo messo a segno nella seduta precedente.

 

Al contrario, è proseguito il trend positivo di Unipol (+2,11%).

 

Stellantis ha chiuso in territorio negativo (-0,91% a 23,4 euro). L’ACEA (l'associazione europea che raggruppa i produttori di automobili) ha comunicato che nel mese di gennaio 2024 sono state immatricolate nell'Unione Europea 851.690 vetture, in aumento del 12,1% rispetto alle 760.016 dello stesso periodo dello scorso anno. In forte aumento anche le vendite di Stellantis a gennaio 2024: lo scorso mese il gruppo automobilistico ha registrato un incremento delle immatricolazioni del 15% con 162.525 vetture vendute.

Performance peggiore per Iveco Group (-3,66%).

 

In progresso A2A (+1,46% a 1,7015 euro). La società ha comunicato i risultati finanziari preliminari del 2023, esercizio chiuso con un margine operativo lordo di 1,97 miliardi di euro, in aumento del 32% rispetto agli 1,5 miliardi registrati nell’esercizio precedente; escludendo le poste straordinarie l’Ebitda si è attestato a 1,93 miliardi di euro. Il consensus pubblicato sul sito internet di A2A e aggiornato al 9 febbraio indicava un EBITDA reported di 1,91 miliardi di euro.

 

Al FTSEMib spicca la performance positiva di DiaSorin (+3,38%).

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.