NAVIGA IL SITO

FTSEMib, il calo ha sfiorato il 2,5%. Tonfo dei bancari

Male BPER Banca. Prese di beneficio su Juventus FC, dopo il balzo registrato nella seduta precedente. E' proseguito il collocamento della terza emissione del Btp Futura.

di Edoardo Fagnani 20 apr 2021 ore 17:45

borsa-rossoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la seduta con forti ribassi: Milano e Parigi hanno perso oltre il 2%. E' proseguito il collocamento della terza emissione del Btp Futura: nelle prime due giornate di offerta il titolo, con scadenza 2037, ha ottenuto richieste complessive per circa 3,67 miliardi di euro.

Il FTSEMib ha lasciato sul terreno il 2,44% a 24.089 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 24.048 punti e un massimo di 24.732 punti. Il FTSE Italia All Share ha subito un ribasso del 2,37%. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-2,09%) e per il FTSE Italia Star (-1,34%). Nella seduta del 20 aprile 2021 il controvalore degli scambi è salito a 2,81 miliardi di euro, rispetto ai 2,19 miliardi di lunedì; sono passate di mano 671.273.743 azioni (544.051.942 nella seduta di lunedì). Su 451 titoli trattati, 365 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 61; invariate le restanti 25 azioni.

Alle 17.40 il bitcoin è sceso sotto i 55.000 dollari (circa 45.500 euro).

Lo spread Btp-Bund ha sfiorato i 105 punti.

L’euro ha oscillato intorno agli 1,205 dollari.

 

Pessima giornata per i bancari.

Male BPER Banca (-5,38% a 1,846 euro). L’istituto ha comunicato di aver concluso due operazioni di cessione prosoluto di portafogli di UTP secured, per un valore lordo di libro (GBV) di circa 370 milioni di euro, alle quali si aggiunge un’ulteriore cessione in corso di finalizzazione di circa 52 milioni di euro, per un totale di 420 milioni di euro.

Forti vendite anche su BancoBPM (-5,61% dopo uno stop per eccesso di ribasso), IntesaSanpaolo (-2,81%) e UniCredit (-5,16%).

 

Male anche Leonardo, che ha lasciato sul terreno il 4,66% a 6,872 euro, dopo uno stop per eccesso di ribasso.

 

Prese di beneficio su Juventus FC (-4,23%), dopo aver terminato la seduta del 19 aprile con un balzo del 17,9%.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.