NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib chiude in rosso (ma tiene i 21.500 punti)

Hanno prevalso le prese di beneficio sui titoli del settore petrolifero, dopo il forte recupero registrato nei giorni scorsi. Bene Snam e Fiat Chrysler Automobiles

di Edoardo Fagnani 19 nov 2020 ore 17:44

mercato-neutroI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la seduta del 19 novembre 2020 con ribassi frazionali. Secondo Pierre Veyret – analista tecnico di ActivTrades - una correzione di breve termine sarebbe ancora tecnicamente “salutare” per le azioni in quanto mitigherebbe il rally registrato a novembre. "È probabile che la sessione di oggi rimanga volatile poiché gli investitori manterranno la loro attenzione sui dati macro e sul vertice UE iniziato in mattinata", ha precisato l'esperto.

Il FTSEMib è sceso dello 0,4% a 21.536 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 21.426 punti e un massimo di 21.680 punti. Il FTSE Italia All Share ha lasciato sul terreno lo 0,37%. Variazioni negative anche per il FTSE Italia Mid Cap (-0,52%) e per il FTSE Italia Star (-0,76%). Nella seduta del 19 novembre 2020 il controvalore degli scambi è sceso a 2,55 miliardi di euro, rispetto ai 3,07 miliardi di mercoledì; sono passate di mano 1.768.466.603 azioni (1.376.188.924 nella seduta di mercoledì). Su 439 titoli trattati, 260 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 144; invariate le restanti 35 azioni.

L’euro è sceso sotto gli 1,185 dollari, mentre il bitcoin è tornato oltre i 18.000 dollari (circa 15.000 euro).

Lo spread Btp-Bund ha sfiorato i 120 punti.

 

Hanno prevalso le prese di beneficio sui titoli del settore petrolifero, dopo il forte recupero registrato nei giorni scorsi.

ENI ha subito una flessione dell'1,43% a 8,077 euro.

 

Fiat Chrysler Automobiles ha guadagnato il 2,07%. La società e PSA hanno deciso di convocare le rispettive assemblee degli azionisti per lunedì 4 gennaio 2021 al fine di approvare la fusione delle due società volta alla creazione di Stellantis.

 

Terna ha terminato la giornata con un minimo rialzo dello 0,03% a 6,322 euro, dopo aver toccato un massimo intraday a 6,488 euro. La società ha aggiornato il piano industriale, portando il periodo di riferimento al 2021/2025. Il piano prevede una forte accelerazione agli investimenti nelle attività regolate in Italia, che nell’arco di piano ammonteranno a 8,9 miliardi di euro. Terna ha fornito un aggiornamento sulla politica dei dividendi che sarà adottata nei prossimi esercizi.

 

Snam ha registrato un progresso dell'1,85% a 4,673 euro. La società ha firmato un accordo con i fondi gestiti da Blackstone Tactical Opportunities per l’acquisto di una quota strategica di circa il 33% di Industrie De Nora, innovatore su scala globale nelle energie sostenibili e nelle tecnologie per il trattamento delle acque. L’operazione è stata definita sulla base di un enterprise value del 100% di circa 1,2 miliardi di euro.


Tiscali è balzata dell'8,44% a 0,0334 euro, dopo uno stop per eccesso di rialzo in avvio di giornata. Con riferimento all’accordo preliminare fra Tiscali e Telecom Italia TIM sottoscritto il 27 agosto, nei giorni scorsi la società ha comunicato che è stata sottoscritta una proroga dello stesso alla data del 22 novembre 2020.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »