NAVIGA IL SITO

FTSEMib positivo. FCA la migliore

Gli operatori hanno collegato il rally del titolo alle dichiarazioni della famiglia Peugeot, uno dei maggiori azionisti della francese PSA. In rosso Salini Impregilo e RCS

di Edoardo Fagnani 19 mar 2019 ore 17:48

Buona giornata per Piazza Affari e per principali le borse europee che hanno registrato progressi nell’ordine del punto percentuale. Oggi ha preso il via la riunione del FOMC (l’organismo della FED responsabile per le operazioni di mercato aperto di politica monetaria), che terminerà domani con le decisioni di politica monetaria, seguite dalla conferenza stampa di Jerome Powell. Ottima giornata per Fiat Chrysler Automobiles, in scia alle dichiarazioni della famiglia Peugeot, uno dei maggiori azionisti del colosso francese PSA.

indice-azionario-positivoIl FTSEMib ha terminato la seduta con un rialzo dello 0,92% a 21.430 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 21.231 punti e un massimo di 21.484 punti. Il FTSE Italia All Share ha registrato un progresso dello 0,88%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,62%) e per il FTSE Italia Star (+0,79%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è salito a 2,31 miliardi di euro, rispetto ai 2,26 miliardi di lunedì; oggi sono passate di mano 688.076.454 azioni (631.941.867 nella seduta di lunedì). Su 411 titoli trattati, 246 hanno registrato una performance positiva, mentre i segni meno sono stati 139; invariate le restanti 26 azioni.

L’euro ha oscillato intorno agli 1,135 dollari.

Lo spread tra Btp e Bund con scadenza a dieci anni è aumentato a 239 punti.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

Ottima giornata per Fiat Chrysler Automobiles, che ha guadagnato il 5,01% a 13,382 euro. Gli operatori hanno collegato il rally del titolo alle dichiarazioni della famiglia Peugeot, uno dei maggiori azionisti del colosso francese PSA, che sarebbe favorevole a una nuova acquisizione per il gruppo transalpino, qualora ci fosse l’occasione. Tra i candidati per un’operazione straordinaria potrebbe esserci proprio Fiat Chrysler Automobiles.

Tra i migliori al FTSEMib anche la holding EXOR (+3,79% a 58 euro).

 

Giornata nervosa per i bancari, dopo le ottime performance messe a segno lunedì.

Chiusura negativa per il BancoBPM (-0,8% a 2,042 euro).

Buon rialzo, invece, per Unicredit (+1,24% a 12,224 euro).

 

Chiusura decisamente positiva per Poste Italiane (+2,58% a 8,36 euro), dopo la diffusione dei risultati del 2018 e delle stime per il 2019. La società ha terminato il 2018 con ricavi per 10,86 miliardi di euro, in aumento del 2,2% rispetto ai 10,63 miliardi realizzati l’anno precedente. In forte miglioramento anche il risultato operativo, che è cresciuto da 1,11 miliardi a 1,5 miliardi di euro (+33,5%). Poste Italiane ha terminato scorso esercizio con un utile netto di 1,4 miliardi di euro, il doppio rispetto ai 689 milioni contabilizzati nel 2017. Il management di Poste Italiane prevede di chiudere il 2019 con ricavi per 11 miliardi di euro e un utile netto nell’ordine degli 1,1 miliardi.

 

ENI ha guadagnato lo 0,93% a 15,89 euro. Dopo la diffusione delle indicazioni finanziarie al 2022 gli analisti di Banca IMI hanno ritoccato al rialzo le stime sull’utile per azione del Cane a sei zampe. Gli esperti hanno confermato il target price di 20,6 euro e l’indicazione di acquisto delle azioni.

 

Buon rialzo per Atlantia (+2,69% a 22,54 euro). Gli analisti di UBS hanno alzato da 19 euro a 25,4 euro il target price sulla concessionaria autostradale, in seguito al miglioramento delle scenario di riferimento per l’azienda. Gli esperti hanno anche migliorato il giudizio e ora consigliano l’acquisto delle azioni.

 

Ancora vendite su Salini Impregilo (-0,3% a 2,006 euro), dopo il forte ribasso subito lunedì. Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore la società punta a creare un campione nazionale delle costruzioni, un soggetto in grado di competere nel mondo. In particolare, l'acquisizione di Astaldi sarebbe solo "il primo tassello di un’idea certamente più ambiziosa", nell'ambito di un piano industriale "che prevede l’aggregazione con i soggetti più rilevanti che operano nelle infrastrutture italiane". Il piano si chiamerà Progetto Italia e punta alla creazione di un polo con commesse vicine ai 60 miliardi complessivi.

 

RcsMediagroup ha lasciato sul terreno il 4,22% a 1,406 euro. Dopo la diffusione dei risultati del 2018 gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno tagliato da 1,65 euro a 1,45 euro il prezzo obiettivo sulla società editoriale, in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il biennio 2019/2020. Gli esperti hanno anche peggiorato il giudizio, portandolo da “Buy” (acquistare) a “Hold” (mantenere).

 

Vendite su MolMed (-3,36% a 0,331 euro). Lunedì la società biotech ha diffuso i risultati del 2018, esercizio chiuso con ricavi operativi per 29,88 milioni di euro, in aumento del 24,6% rispetto ai 23,99 milioni realizzati nell’esercizio precedente. Il risultato operativo è stato negativo per 3,87 milioni di euro, in miglioramento rispetto al rosso di 8,15 milioni del 2017. La perdita netta è scesa da 8,5 milioni a 4,12 milioni di euro.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »