NAVIGA IL SITO

Seduta in rosso per la borsa italiana. Male Telecom Italia TIM

Telecom Italia TIM in forte ribasso, dopo la diffusione dei risultati del primo trimestre. Sotto i riflettori i bancari. In territorio decisamente negativo anche FCA

di Edoardo Fagnani 19 mag 2020 ore 17:49

borsa-rossoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno chiuso la giornata con dei ribassi generalizzati. Secondo Giordano Beani - Head of Multi-Asset Fund Solutions Italy Amundi SGR - la fase di ripresa dei mercati azionari rispecchia i piani eccezionali di sostegno messi a punto dalle autorità, e conferma che da un punto di vista economico si eviterà il peggio. Tuttavia, l'esperto ritiene che la fase di ripresa sarà lenta e i mercati hanno già iniziato a scontare in parte questa notizia. "Ci sembra che questa nuova fase di correzione offra l’opportunità per rafforzare progressivamente le proprie posizioni, continuando a privilegiare i titoli di qualità", ha suggerito Giordano Beani.

Intanto è proseguito il collocamento della sedicesima tranche del Btp Italia: la richiesta complessiva per il titolo, comprensiva anche della domanda relativa al primo giorno di offerta, è pari a 8,75 miliardi di euro. Oggi le richieste sono state più copiose di ieri.

Il FTSEMib ha terminato la seduta con un calo del 2,11% a 17.035 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 16.929 punti e un massimo di 17.613 punti. Il FTSE Italia All Share ha perso l'1,79%. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-2,26%) e per il FTSE Italia Star (-2,27%). Nella seduta del 19 maggio 2020 il controvalore degli scambi è salito a 2,78 miliardi di euro, rispetto agli 1,73 miliardi di lunedì 18 maggio; sono passate di mano 1.097.492.821 azioni (538.966.965 nella seduta precedente). Su 417 titoli trattati, 287 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 106; invariate le restanti 24 azioni.

L’euro ha toccato gli 1,095 dollari, mentre il bitcoin si mantiene oltre i 9.500 dollari (poco meno di 9.000 euro).

Lo spread Btp-Bund si attesta poco sotto i 215 punti.

 

Telecom Italia TIM ha perso l'8,63% a 0,3473 euro, dopo la diffusione dei risultati del primo trimestre 2020. La compagnia telefonica ha terminato il periodo in esame con ricavi pari a 3,96 miliardi di euro, in calo dell’11,3% rispetto ai 4,47 miliardi ottenuti nei primi tre mesi dello scorso anno; su base organica i ricavi sarebbero scesi dell’8,4%. Il consensus degli analisti, pubblicato sul sito internet di Telecom Italia TIM, indicava ricavi per 4,07 miliardi di euro. In flessione anche il margine operativo lordo, che è passato da 1,95 miliardi a 1,74 miliardi di euro (-10,8%); tuttavia, la marginalità è migliorata dal 43,5% al 43,8%. L’utile netto del primo trimestre attribuibile ai soci si è attestato a 560 milioni di euro rispetto ai 165 milioni dei primi tre mesi del 2019. Il dato ha beneficiato di proventi straordinari per 441 milioni di euro. A fine marzo 2020 l’indebitamento finanziario netto rettificato era pari a 26,75 miliardi di euro, in calo rispetto ai 27,67 miliardi di inizio anno e inferiore al consensus degli analisti (27,4 miliardi di euro). L’indebitamento finanziario netto contabile a fine anno era pari a 26,57 miliardi di euro. I vertici di Telecom Italia TIM si attendono di poter preservare la guidance 2020 relativa ad EBITDA – CAPEX così come la guidance 2021/2022, inclusa la guidance di Equity Free Cash Flow cumulato 2020/2022 pari a 4,5-5 miliardi di euro. Intanto, dalle comunicazioni diffuse dalla Consob 18 maggio 2020 si apprende che il 12 maggio Paul Singer ha ridotto la partecipazione aggregata detenuta in Telecom Italia TIM, portandola dal 5,127% al 4,998%.

 

Male anche Tenaris (-8,9%) e Recordati (-8,06%).

 

Sono rimasti sotto i riflettori i titoli del settore bancario.

IntesaSanpaolo ha registrato una flessione dell'1,47%. Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore la Consob avrebbe preso in esame la documentazione relativa all’offerta pubblica di scambio lanciata dall’istituto guidato da Carlo Messina su UBI Banca (-3,87%). quest'ultima ha però puntualizzato alcune cose su questo articolo (UBI Banca specifica su un articolo relativo all'ops IntesaSanpaolo). Intanto, alle comunicazioni diffuse dalla Consob il 18 maggio 2020 si apprende che il 12 maggio Jp Morgan Chase ha incrementato la partecipazione aggregata detenuta in IntesaSanpaolo, portandola dal 6,952% al 7,342%.

UniCredit in ribasso dell'1,35%. Dalle comunicazioni diffuse dalla Consob il 18 maggio 2020 si apprende che l'11 maggio Dodge&Cox ha ridotto al 4,953% la partecipazione detenuta nel capitale nella banca; in precedenza l'azionista era accreditato del 5,009% dell'istituto.

Sulle montagne russe BancoBPM (-7,31%) e BPER Banca (-5,57%).

 

Fiat Chrysler Automobiles in negativo (-4,53%), dopo il balzo di oltre l'8% messo a segno ieri. L'ACEA, l’associazione delle case automobilistiche europee, ha comunicato che nel mese di aprile 2020 le immatricolazioni del gruppo sono scese dell'87,7%, in conseguenza al lockdown dovuto al coronavirus. Nell'Unione Europea la flessione delle vendite è stata del 76,3%.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »