NAVIGA IL SITO

FTSEMib in calo di mezzo punto percentuale

Performance in calo frazionale per il principale indice di Piazza Affari, il FTSEMib. Tra i titoli a maggior capitalizzazione bene le banche. Wall Street chiusa per il Juneteenth

di Mauro Introzzi 19 giu 2023 ore 17:45

piazza-affari-rossoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno chiuso la prima seduta della settimana in territorio negativo. I mercati europei erano orfani degli spunti in arrivo da oltreoceano visto che Wall Street era chiusa per il Juneteenth.

Il FTSEMib ha subito un ribasso dello 0,39% a 27.754 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 27.701 punti e un massimo di 27.896 punti. Il FTSE Italia All Share ha perso lo 0,47%. Performance peggiori per il FTSE Italia Mid Cap (-1,3%) e per il FTSE Italia Star (-1,32%). Nella seduta del 19 giugno 2023 il controvalore degli scambi è sceso a 1,76 miliardi di euro, rispetto ai 4,06 miliardi di venerdì.

Il bitcoin ha sfiorato i 26.500 dollari (meno di 24.500 euro).

Lo spread Btp-Bund è tornato sui 160 punti, l’euro ha consolidato gli 1,09 dollari.

 

Un settore in decisa controtendenza è stato quello delle banche, con Banca Monte dei Paschi in rialzo dell'1,53%, BancoBPM in crescita dello 0,7% e BPER Banca in salita del 3%. Segno più anche per IntesaSanpaolo (+0,91%) e Unicredit (+2,27%).

 

Tra i principali titoli di Piazza Affari occhi puntati su chi ha staccato il proprio dividendo: al FTSEMib Hera, Poste Italiane, Snam e Terna, al MidCap Acea, Iren e OVS.

Allo Star cedola anche per Carel Industries e TamburiIP.

 

Tra i titoli a maggior capitalizzazione in calo Pirelli (-1,06%) dopo che il Governo ha esercitato sul gruppo il golden power. Tra le altre cose, l'esecutivo ha stabilito che il suo principale azionista (la cinese Sinochem, con una quota del 37%) non potrà designare l'amministratore delegato del gruppo. Altre specifiche prescrizioni nei confronti di China National Tire & Rubber Corporation son quelle di rispettare l'impegno di non esercitare attività di direzione e coordinamento, introdurre la carica del direttore genrale, impegnarsi a far sì che tutti gli Organi delegati di Pirelli siano individuati esclusivamente tra gli amministratori designati da Camfin, impegnarsi a far sì che il potere di nomina e revoca dei direttori e dei vice-direttori di Pirelli sia deferito al vice presidente esecutivo o all'amministratore delegato e impegnarsi, unitamente a Pirelli, a far sì che lo statuto sia modificato in modo tale che, in relazione alle delibere consiliari attinenti agli attivi di rilevanza strategica nonché di nomina e revoca dall'ufficio dei dirigenti con responsabilità strategica (key managers of Pirelli), la proposta sia riservata all'amministratore delegato e qualsiasi decisione contraria alla stessa possa essere adottata solo con il voto di almeno i 4/5 del consiglio di amministrazione.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.