NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib chiude in rosso (in linea con le borse europee)

In altalena i titoli del settore bancario: spicca il ribasso di BPER Banca, mentre la Popolare di Sondrio ha chiuso in positivo. In forte calo la Juventus FC

di Edoardo Fagnani 18 giu 2020 ore 17:47

mercato-negativaI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato in territorio negativo la seduta del 18 giugno 2020. Chris Iggo - CIO Core Investments di AXA Investment Managers - ha segnalato che negli ultimi tre mesi i mercati azionari hanno registrato un importante rimbalzo, ma aggiunto che il sentiment è rimasto vulnerabile a rapide inversioni di tendenza. L'esperto ha ricordato che proprio la scorsa settimana abbiamo assistito a un sell-off dei mercati azionari quando è apparso evidente che il percorso di normalizzazione non sarebbe stato facile. "La copertura del rischio azionario resta decisiva", ha quindi avvertito Chris Iggo. Pierre Veyret – analista tecnico di ActivTrades - ha posto l'attenzione sull'interesse decrescente nei confronti di beni percepiti come più rischiosi, dovuto all'aumento di infezioni da coronavirus in sempre più località che sta suscitando nuove preoccupazioni per la ripresa economica. Quindi, secondo l'esperto, il mercato avrà bisogno di nuovi segnali di miglioramento prima di registrare nuovi massimi. "Al momento è più forte il rischio di ribasso e ci potrebbero essere grosse correzioni se la diffusione del virus peggiorasse", ha avvertito Pierre Veyret.

Il FTSEMib ha subito un calo dello 0,51% a 19.486 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 19.332 punti e un massimo a 19.815 punti. Il FTSE Italia All Share ha perso lo 0,42%. Variazioni frazionali per il FTSE Italia Mid Cap (+0,26%) e il FTSE Italia Star (-0,21%). Nella seduta del 18 giugno il controvalore degli scambi è sceso a 2,4 miliardi di euro, rispetto ai 2,41 miliardi di mercoledì; sono passate di mano 1.009.024.705 azioni (814.251.696 nella seduta di mercoledì). Su 418 titoli trattati, 225 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 151; invariate le restanti 42 azioni.

L’euro ha oscillato tra gli 1,12 e gli 1,125 dollari, mentre il bitcoin è rimasto sotto i 9.500 dollari (poco meno di 8.500 euro).

Lo spread Btp-Bund si è ristretto a 182 punti.

 

In altalena i titoli del settore bancario.

BPER Banca ha lasciato sul terreno il 2,75%.

In difficoltà anche UniCredit (-1,88%).

Al contrario, la Popolare di Sondrio ha registrato un progresso del 3,69%. L’istituto ha comunicato di aver concluso l’operazione di cartolarizzazione di sofferenze denominata “DIANA” in linea con quanto previsto dalla strategia di derisking e di miglioramento della qualità degli attivi. In particolare, è stato ceduto, con effetto economico dal 1° aprile 2019, un portafoglio di sofferenze del valore lordo pari a circa un miliardo di euro (composto da crediti secured per il 74%) al veicolo di cartolarizzazione denominato “DIANA”, che ha emesso a sua volta tre tranches di notes ABS per complessivi 274 milioni di euro (27,4% del valore lordo dei crediti ceduti). A seguito del deconsolidamento contabile del portafoglio, l’NPE ratio lordo proforma della banca è stimato pari al 9,5%, in riduzione di 2,8 punti percentuali rispetto al dato di fine marzo (12,3%).

 

FinecoBank ha chiuso in forte calo (-3,38% a 11,995 euro). Nel corso della mattinata il titolo della compagnia ha toccato quota 12,66 euro, nuovo massimo storico.

 

Fiat Chrysler Automobiles ha perso lo 0,31%. La Repubblica ha segnalato che la Commissione Europea ha deciso di aprire un’indagine in merito al progetto di fusione con PSA, segnalando che l’operazione potrebbe determinare una concentrazione della quota di mercato nel segmento dei veicoli commerciali leggeri. Le due società hanno confermato la tempistica dell’operazione che dovrebbe concludersi entro il primo trimestre del 2020.

CNH Industrial è salita dello 0,39% a 6,232 euro. Gli analisti di UBI Banca hanno incrementato da 5,4 euro a 7,6 euro il target price sulla società, in seguito alla revisione dei parametri di valutazione dell'azienda; gli esperti hanno confermato l'indicazione di acquisto delle azioni.

 

Giornata decisamente negativa per la Juventus FC (-5,14%). Il club bianconero è stato sconfitto dal Napoli ai tiri di rigore nella finale di Coppa Italia.

 

Da segnalare il forte rialzo di doValue (+6,71%). La società ha annunciato la creazione di doLook, la piattaforma per il trading online di NPL

 

Seduta brillante per Astaldi (+11,2%, dopo uno stop per eccesso di rialzo). La società ha comunicato i risultati dell’esercizio 2019, chiuso con ricavi in crescita del 50% a 1,5 miliardi di euro e un risultato operativo positivo per 9,75 milioni. Il risultato finale è stato negativo per 72 milioni di euro. A fine anno il portafoglio ordini era pari a 8 miliardi di euro.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »