NAVIGA IL SITO

Pessima giornata a Piazza Affari. E poteva pure andare peggio

Chiusura in forte calo per Piazza Affari e le borse europee. Milano ha ridotto un po' le perdite dopo che il consiglio di ministri ha varato il decreto "cura Italia" da 25 miliardi per aziende e famiglie

di Edoardo Fagnani 16 mar 2020 ore 17:59

piazza-affari-coronavirusI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno iniziato la settimana in forte calo: anche oggi sono state numerose le sospensioni per eccesso di ribasso di molti titoli del FTSEMib. Poteva andare pure peggio: nel corso del pomeriggio Piazza Affari ha ridotto le gravissime perdite che accumulava e metà sessione (anche -11% per il FTSEMib) dopo che il consiglio di ministri ha varato il decreto "cura Italia": 25 miliardi per aziende e famiglie per far fronte all'emergenza Coronavirus: risorse a sanità, protezione civile, cassa integrazione e ammortizzatori sociali. Slittano le scadenze Iva e Irpef.

Nella giornata di domenica, con una mossa a sorpresa (e senza aspettare la riunione di mercoledì 18 marzo), la FED ha deciso di tagliare di un punto percentuale i tassi di interesse. Con questo intervento - decisamente non atteso - la banca centrale statunitense cerca di combattere i rischi di una pesante recessione dovuta alla diffusione del coronavirus. Il tasso di riferimento americano è ora in un intervallo compreso tra lo 0% e lo 0,25%. Inoltre, la banca centrale statunitense ha deciso di procedere con un programma di acquisto di titoli per un ammontare complessivo di 700 miliardi di dollari.

Il FTSEMib ha registrato un calo del 6,1% a 14.980 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 14.153 punti e un massimo di 15.699 punti. Il FTSE Italia All Share ha perso il 6,06%. In forte calo anche anche il FTSE Italia Mid Cap (-5,71%) e il FTSE Italia Star (-4,26%).

Nella seduta del 16 marzo il controvalore degli scambi è sceso a 4,62 miliardi di euro, dai 5,36 miliardi di euro dello scorso venerdì; sono passate di mano 1.602.436.216 azioni (1.844.672.440 nella seduta di venerdì scorso). Su 422 titoli trattati, 59 hanno registrato una performance positiva, mentre i ribassi sono stati 343; invariate le restanti 20 azioni.

L’euro è tornato sotto gli 1,12 dollari, mentre il bitcoin si attesta sotto i 5.000 dollari (circa 4.500 euro). Lo spread Btp-Bund è schizzato a 248 punti (con un massimo di giornata a 264 punti).

 

Pesanti vendite per  i titoli del settore bancario con una moltitudine di titoli sospesi per eccesso di ribasso nel corso della seduta.

L’Economia, l’inserto del lunedì del Corriere della Sera, è tornato sull’operazione di integrazione tra IntesaSanpaolo (-9,75% a 1,4028 euro) e UBI Banca (-10,65% a 2,206 euro) messa sotto pressione dalle montagne russe dei mercati azionari. Il settimanale ha evidenziato che il rapporto dei prezzi tra i due titoli è in linea con quello indicato nell’offerta, anche considerando la prossima distribuzione dei dividendi. L’Economia ha segnalato che l’epidemia dovuta al coronavirus complica anche lo scenario di riferimento. Una possibile recessione, infatti, potrebbe portare a un nuovo aumento delle inadempienze probabili per le banche commerciali “con nuove partite di NPE da collocare e possibili ulteriori aumenti di capitale”.

Male anche UniCredit (-12,58% a 6,743 euro).

 

Fiat Chrysler Automobiles ha registrato un tonfo del 14,46% a 7,169 euro. Il gruppo automobilistico ha annunciato che le controllate FCA Italy e Maserati sospenderanno temporaneamente la produzione nella maggior parte dei loro stabilimenti produttivi in Europa.

 

Ha limitato un po' i danni DiaSorin, che ha registrato un ribasso dell'1,64% a 107,8 euro.

 

In controtendenza Ferragamo, in salita del 3,64% a 10,535 euro. Quella del gruppo del lusso è stata la performance migliore tra i titoli del FTSEMib.

 

Debutto altalenante per Unidata all’AIM Italia. Il titolo della società, operatore di telecomunicazioni con una rilevante presenza a Roma e nel Lazio, ha chiuso con un progresso del 4,46% a 13,58 euro, dai 13 euro del collocamento. Unidata è la prima matricola in assoluto a Piazza Affari nel 2020.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »