NAVIGA IL SITO

FTSEMib, la settimana si chiude con un ribasso

Giornata negativa per i titoli del settore bancario e petrolifero. Enel ha chiuso in rialzo di un punto percentuale, alla vigilia dello stacco del saldo del dividendo 2021

di Edoardo Fagnani 16 lug 2021 ore 17:46

mercato-rossoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno chiuso la settimana con una seduta negativa. Secondo Hans-Jörg Naumer - director global capital markets & thematic research di Allianz Global Investors - il quadro tecnico dei principali mercati azionari non presenta particolari criticità al momento, in quanto i relativi indici di forza relativa sono in territorio neutro e non segnalano elevate pressioni alla vendita. "Difficilmente i prossimi dati economici e societari spingeranno gli indici al ribasso, e le generose erogazioni di liquidità alimentano la propensione al rischio degli investitori", ha evidenziato l'esperto. Intanto, oggi è stata giornata di scadenze tecniche; sono arrivati a termine i contratti di opzione sulle azioni e sugli indici datati luglio 2021.

Il FTSEMib ha perso lo 0,33% a 24.793 punti (minimo di 24.686 punti, massimo di 24.999 punti) e ha terminato la settimana con un calo complessivo dell'1,03%. Stessa variazione (-0,33%) per il FTSE Italia All Share. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-0,22%) e per il FTSE Italia Star (-0,05%). Nella seduta del 16 luglio 2021 il controvalore degli scambi è sceso a 1,81 miliardi di euro, rispetto agli 1,86 miliardi di giovedì; sono passate di mano 603.641.337 azioni (433.791.349 nella seduta di giovedì).

Alle 17.40 il bitcoin era rimbalzato a 32.000 dollari (oltre 27.000 euro).

Lo spread Btp-Bund ha oscillato intorno ai 105 punti.

L’euro si è attestato a 1,18 dollari.

 

Giornata negativa per i titoli del settore bancario.

UniCredit ha subito una flessione dell'1,35% a 9,4 euro. Nel corso di un’intervista pubblicata su Il Sole24Ore il numero uno dell’istituto, Andrea Orcel, ha segnalato che il focus della banca sarà sulla riorganizzazione dell’attuale struttura, mettendo al centro il mercato italiano. Il manager ha segnalato che per il momento eventuali opportunità di crescita per linee esterne occupano un ruolo secondario.

Performance peggiori per BancoBPM (-2,17% a 2,57 euro) e BPER Banca (-3,22% a 1,6355 euro).

 

Vendite sui titoli del settore petrolifero, dopo che a New York il prezzo del greggio (future con scadenza ad agosto 2021) è sceso a 71 dollari al barile.

ENI ha ceduto lo 0,79% a 9,832 euro.

Performance peggiore per Tenaris (-2,83% a 8,526 euro).

 

In progresso Enel (+0,98% a 8,01 euro). Lunedì 19 luglio il colosso elettrico staccherà il saldo del dividendo 2021 (relativo all’esercizio 2020), pari a 0,183 euro per azione.

 

Stellantis ha ceduto il 2,01% a 15,686 euro. L’ACEA (l'associazione europea che raggruppa i produttori di automobili) ha comunicato che nel mese di giugno 2021 sono state immatricolate 1.048.143 vetture nell'Unione Europea, in aumento del 10,4% rispetto alle 949.776 dello stesso periodo del 2020. In forte aumento anche le vendite di Stellantis a giugno 2021 (+10,3% con 230.478 vetture vendute); di conseguenza, la quota di mercato di Stellantis in Europa si è attestata al 22%.

 

Moncler ha subito una flessione dell'1,77% a 56,74 euro, in scia al forte ribasso registrato dal colosso britannico del lusso Burberry.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.