NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib ringrazia Wall Street e limita i danni

Piazza Affari e le borse europee hanno registrato variazioni frazionali, anche se la seduta è stata caratterizzata da forte volatilità. Ottima giornata per Salvatore Ferragamo

di Edoardo Fagnani 15 mag 2019 ore 17:48

Piazza Affari e le borse europee hanno terminato la seduta del 15 maggio 2019 con variazioni frazionali, anche se la giornata è stata caratterizzata da forte volatilità. I principali indici di Borsa Italiana hanno praticamente azzerato i ribassi dopo che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha aperto alla possibilità di posticipare di sei mesi l’introduzione di nuovi dazi sulle importazioni di automobili negli USA. In mattinata la Banca d’Italia ha fornito l’aggiornamento sul debito pubblico, che a fine marzo era sceso poco sotto i 2.359 miliardi di euro.

mercato-scende_1Il FTSEMib ha registrato un frazionale ribasso dello 0,14% a 20.863 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 20.556 punti e un massimo di 20.904 punti. Il FTSE Italia All Share ha subito in calo dello 0,18%. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-0,36%) e per il FTSE Italia Star (-0,3%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è aumentato a 2,84 miliardi di euro, rispetto ai 2,35 miliardi di martedì; sono passate di mano 782.866.818 azioni (662.125.879 nella seduta di martedì). Su 411 titoli trattati, 233 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 146; invariate le restanti 32 azioni.

L’euro è sceso a 1,12 dollari, mentre il bitcoin è sceso sotto gli 8.000 dollari (oltre 7.000 euro).

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

Giornata molto volatile per i bancari, in balia delle oscillazione dello spread tra Btp e Bund, che è arrivato a superare i 290 punti per chiudere la giornata a 285 punti.

Chiusura negativa per UniCredit (-0,67% a 10,638 euro). L’istituto ha precisato che non è stato firmato alcun mandato relativo a possibili operazioni di mercato oggetto di indiscrezioni giornalistiche. La banca ha precisato che è completamente concentrata sulla realizzazione del piano Transform 2019, basato su presupposti di natura organica e che è sulla strada giusta per il raggiungimento di tutti gli obiettivi dichiarati.

Segno meno anche per BPER Banca (-1,75% a 3,866 euro). L’amministratore delegato dell’istituto, Alessandro Vandelli, ha smentito di avere allo studio il dossier su Banca Carige.

Performance peggiore per UBI Banca (-2,83% a 2,506 euro).

In frazionale rialzo, invece, il BancoBPM (+0,62% a 1,7105 euro). Dalle comunicazioni periodiche diffuse dalla Consob si apprende che il 10 maggio Invesco LTD è diventato uno dei maggiori azionisti dell’istituto con una quota del 5,032% del capitale. La partecipazione è detenuta in gestione non discrezionale del risparmio.

 

Ottima giornata per Salvatore Ferragamo, la migliore al FTSEMib; il titolo della società del lusso è balzato del 9,85% a 21,25 euro. Salvatore Ferragamo ha comunicato i risultati del primo trimestre del 2019, periodo chiuso con ricavi per 317,08 milioni di euro, in aumento del 4,3% rispetto ai 303,91 milioni ottenuti nei primi tre mesi dello scorso anno; a parità di tassi di cambio la crescita del fatturato sarebbe stata ugualmente del 4,3%. L’utile netto è aumentato da 9,17 milioni a 10,16 milioni di euro. Dopo la diffusione dei risultati trimestrali gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno alzato da 17 a 20 euro il target price su Salvatore Ferragamo, in seguito al miglioramento delle stime sull’utile per azione per il biennio 2019/2020; gli esperti hanno anche migliorato il giudizio, portandolo da “Reduce” (ridurre) a “Hold” (mantenere). Per lo stesso motivo Morgan Stanley ha aumentato da 18,5 euro a 20 euro il prezzo obiettivo sull’azienda, ribadendo il giudizio “Equalweight” (neutrale). Banca Akros sì è limitata a migliorare la valutazione sulla società del lusso, portandola da 18,4 euro a 20,2 euro; gli esperti hanno confermato il rating “Neutrale”. Société Générale, invece, ha migliorato da “Sell” (vendere) a “Hold” il giudizio su Salvatore Ferragamo, sulla base di un prezzo obiettivo di 20 euro.

 

L’ipotesi di un rinvio all’introduzione dei nuovi dazi sulle importazioni di automobili negli Stati Uniti ha messo le ali ai titoli del settore automobilistico.

Chiusura positiva per Fiat Chrysler Automobiles (+1,5% a 13,098 euro).

Pirelli ha terminato la giornata con un progresso del 2,88% a 5,854 euro. La società ha diffuso i risultati del primo trimestre del 2019, periodo chiuso con ricavi per 1,31 miliardi di euro, in aumento dello 0,3% rispetto al risultato ottenuto nei primi tre mesi dello scorso anno. L’utile netto è cresciuto da 92,4 milioni a 101,4 milioni di euro (+9,7%). Pirelli ha rivisto le stime per l’intero esercizio. Il management dell’azienda prevede ricavi in crescita tra il 3% e il 4% (4% e il 6% la precedente indicazione) per la prolungata debolezza della domanda sul Primo Equipaggiamento. Il margine Ebit adjusted 2019 dovrebbe superare il 19% (circa 19% la precedente indicazione), rispetto al 18,4% nel 2018. Dopo la diffusione dei risultati trimestrali gli analisti di Mediobanca hanno ridotto da 7 euro a 6,6 euro il prezzo obiettivo su Pirelli, in seguito al peggioramento delle stime sui ricavi e sulla redditività per l’esercizio in corso; gli esperti hanno confermato il giudizio “Outperform” (farà meglio del mercato). Indicazione simile da Equita sim, che ha limato da 7,9 euro a 7,7 euro il target price sulla società, in seguito alla riduzione della stima sul fatturato per il 2019; tuttavia, gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »